Rifugiati curdi-siriani salvati da un peschereggio al largo dell'isola di Lesbo, 30 ottobre 2015 (ARIS MESSINIS/AFP/Getty Images)

Le foto che hanno vinto il Visa d’Or

È un importante premio di fotogiornalismo assegnato al festival internazionale di Perpignan: l'ha vinto Aris Messinis per le foto che ha scattato a Lesbo

Rifugiati curdi-siriani salvati da un peschereggio al largo dell'isola di Lesbo, 30 ottobre 2015 (ARIS MESSINIS/AFP/Getty Images)

Aris Messinis, fotografo dell’agenzia AFP, ha vinto il Visa d’Or, il premio più prestigioso assegnato al festival internazionale di fotogiornalismo “Visa Pour L’Image” a Perpignan, in Francia, per le fotografie che nel 2015 ha scattato ai migranti e ai rifugiati sull’isola di Lesbo. Nell’ultimo anno l’isola greca è stata il principale punto d’ingresso in Europa per i migranti che sono partiti dalle coste della Turchia, accogliendo centinaia di migliaia di migranti. Aris Messinis ha fotografato per mesi la loro situazione sull’isola. Messinis è nato in Grecia nel 1977 e dal 2003 lavora all’Agence France Presse, dove dal 2006 è capo della redazione fotografica di Atene.

FRANCE-PHOTOGRAPHY-PHOTOJOURNALISM-VISA
Messinis mentre riceve il premio a Perpignan. (RAYMOND ROIG/AFP/Getty Images)

Messinis è conosciuto anche per una foto che lo ritrae quando in un’occasione decise di smettere di scattare fotografie e dare una mano ai migranti che stavano sbarcando. Messinis ha spiegato che «non c’era alcun conflitto di interessi tra la fotografia e il salvataggio», che si trattava di un «normale riflesso umano. Cerchiamo di mantenere le distanze, di essere obiettivi, ma a volte è bene dare una mano a qualcuno che ne ha bisogno. È una decisione personale». Le sue fotografie sono in mostra al festival di Perpignan fino all’11 settembre.