Scontri tra minatori e polizia a Panduro, Bolivia (AP Photo/Juan Karita)
  • Mondo
  • venerdì 26 Agosto 2016

In Bolivia un gruppo di minatori in sciopero ha ucciso un viceministro

Rodolf Illanes è stato rapito, picchiato e poi ucciso a sud di La Paz, ha detto il governo

Scontri tra minatori e polizia a Panduro, Bolivia (AP Photo/Juan Karita)

Giovedì il viceministro degli Interni della Bolivia, Rodolfo Illanes, è stato rapito e ucciso da un gruppo di minatori in sciopero, ha detto il governo boliviano. Illanes è stato rapito sulla strada che collega La Paz a Panduro, la città della Bolivia occidentale dove Illanes avrebbe dovuto incontrare i lavoratori in sciopero. Il corpo di Illanes non è ancora stato trovato, ma Carlos Romero, il ministro del governo boliviano (una carica comparabile a quella di ministro degli Interni), ha detto: «A oggi tutto indica che il nostro viceministro Rodolfo Illanes è stato assassinato in maniera brutale e codarda». L’assistente di Illanes, che è riuscito a scappare dai rapitori e che ora si trova ricoverato in un ospedale di La Paz, ha raccontato quello che è successo.

Il governo boliviano ha detto di avere già arrestato un centinaio di persone ritenute coinvolte nelle proteste dei minatori e nel rapimento, e ha aggiunto che continuerà a investigare per punire tutti i responsabili.

I rapitori di Illanes avevano chiesto come contropartita per la liberazione del viceministro un miglioramento generale delle loro condizioni di lavoro: in particolare volevano riprendere i negoziati con il governo boliviano su alcuni punti specifici, come il diritto di lavorare per le società private e di beneficiare di una rappresentazione sindacale più ampia. Le proteste dei minatori – guidate dalla Federación Nacional de Cooperativas Mineras, un tempo stretta alleata del presidente boliviano Evo Morales – sono iniziate da diverso tempo ma sono diventate violente solo questa settimana, dopo che gli scioperanti hanno bloccato un’autostrada. Da allora sono iniziati scontri molto violenti tra polizia e minatori, soprattutto nella città di Panduro: mercoledì due minatori sono stati uccisi mentre 17 agenti di polizia sono rimasti feriti.

BoliviaGli scontri tra polizia e minatori a Panduro, vicino a La Paz, il 25 agosto 2016 (AIZAR RALDES/AFP/Getty Images)

La Bolivia è uno dei paesi più poveri del Sud America. Buona parte della sua economia si basa sull’estrazione di argento, stagno e zinco e la maggior parte dei minatori boliviani lavora organizzata in cooperative. A differenza di Perù e Cile, in Bolivia ci sono solo poche imprese minerarie di proprietà straniera.