ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO
  • Cultura
  • mercoledì 27 luglio 2016

Si farà la Fiera del Libro a Milano

L'ha deciso l'associazione degli editori, dopo molte discussioni: il Salone del Libro di Torino si farà lo stesso

ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Il Consiglio generale dell’AIE, l’Associazione Italiana Editori, ha deciso a maggioranza – 17 voti contro 7 e 8 astenuti – che la prossima fiera del Libro si terrà a Milano. La formula, più vaga, dice che «ha dato mandato al Presidente di procedere alla realizzazione di una joint venture con Fiera Milano per l’implementazione del “Progetto Promozione del Libro”». La prima edizione delle Fiera del Libro si terrà nel 2017, probabilmente nello stesso periodo del Salone del Libro di Torino, che comunque – secondo quanto annunciato – continuerà ad essere organizzato. Pur scegliendo Milano, gli editori si augurano di continuare a collaborare con la Fondazione per il libro, la musica e la cultura – che promuove il Salone di Torino – per realizzare «eventi per lo sviluppo della lettura». Del Consiglio fanno parte 39 editori, grandi e piccoli, ognuno dei quali esprime un voto. Ma alla scelta gli editori sono arrivati divisi, come dimostra il voto. Oggi Feltrinelli sottolineava in una nota i problemi della gestione torinese rispetto ai vantaggi offerti da Milano, ma concludeva con un appello all’unità: «Prendiamoci il tempo di un progetto condiviso, che non sia di qualcuno contro qualcun altro ma un fattore di crescita sistemica e uno spazio per la passione per il libro: Milano o Torino che sia!». Per questo Feltrinelli è tra i 7 editori che hanno votato contro. Gli altri editori contrari risultano essere: Marcos y Marcos, Gallucci, Polillo, Manni e due editori scolastici, uno dei quali è Principato.

Non è stato ancora indicato il nome del presidente del nuovo evento. La situazione è ancora fluida, soprattutto perché Torino è comunque intenzionata a organizzare al Lingotto la prossima edizione del Salone, la trentesima, che come sempre si dovrebbe tenere in maggio. I due eventi, di fatto, si sovrapporrebbero con ovvie difficoltà per gli editori e per il pubblico. In un «documento strettamente riservato» della Fiera inviato il 25 luglio da AIE ai suoi soci, si propone il periodo che va da giovedì 25 a lunedì 29 maggio 2017. Secondo le previsioni contenute nella proposta, a Milano ci sarebbero circa 500 espositori  e arriverebbero 110 mila visitatori. Il Salone di Torino nelle ultime edizioni ne aveva avuti circa 125 mila, anche se sulla stima di Milano pesa il fatto di essere alla prima edizione.

L’orientamento prevalente dell’AIE era apparso chiaro nei giorni scorsi, in particolare con il documento interno anticipato ieri dalla Stampa in cui l’AIE metteva a confronto le due ipotesi, esprimendo una preferenza implicita per Milano. A sostegno di questa ipotesi all’inizio c’erano alcuni dei maggiori editori – in primo luogo Mondadori-Rizzoli. Le ragioni a sostegno di Milano sono molteplici: i «gravi problemi sia economico finanziari che gestionali della Fondazione», come dice l’email inviata dal presidente AIE Federico Motta agli editori il 25 luglio, problemi che hanno portato nel corso dell’anno a dimissioni e arresti, le maggiori potenzialità internazionali di Milano rispetto a Torino, e la possibilità di collegare l’evento milanese a un progetto più ampio di “Promozione del Libro” da sviluppare anche altrove, legandosi a «Più Libri Più Liberi», la fiera degli editori indipendenti di Roma e organizzando iniziative itineranti nel Sud Italia. La ragione principale, però, sembra essere la volontà degli editori di contare di più e di gestire in prima persona il maggior evento che li riguarda.

Nella proposta di Fiera Milano – che in realtà ha sede a Rho, una città limitrofa – si legge che scegliendo Milano si sarebbe passati da una «Fiera generalista LOCALE b2c [business to consumer, ndr] focalizzata sul consumatore gestita con un ruolo secondario degli Editori» a una «Fiera di riferimento NAZIONALE rappresentativa dell’editoria, b2c con programmi specifici per il b2b [business to business, ndr], con un ruolo centrale dell’Associazione AIE». Fiera Milano assicura la «valorizzazione dei Piccoli Editori», ma i piccoli editori interpellati dal Post temono di vedere ridimensionata la propria visibilità in favore dei grandi e sono contrari alle modalità con cui AIE ha gestito la vicenda. In una lettera aperta inviata il 20 luglio alla Fondazione per il libro, la musica e la cultura che promuove il Salone di Torino, una serie di editori – tra cui E/O, Sellerio, Iperborea, Fazi, Nottetempo, SUR e miminumfax – si erano schierati contro l’ipotesi di Milano sostenendo che Torino ha sempre assicurato «pari dignità e opportunità alle piccole case editrici come alle medie e alle grandi».

Le ragioni per cui Milano sarebbe migliore di Torino – sempre stando al documento di proposta dell’Ente Fiera Milano – sono i seguenti:

  • Milano è la capitale italiana dell’editoria e della cultura
  • Ha un bacino di utenza nuovo e più ampio rispetto a Torino
  • È sede di Fiera Milano che è in grado di offrire un respiro nazionale alla manifestazione
  • Forte dell’esperienza del «progetto Scuola» in EXPO, può rafforzare il ruolo dell’editoria scolastica e per ragazzi
  • Ha un ottimo tessuto di librerie indipendenti e non nell’area metropolitana con cui si possono studiare eventi fuori salone

Le due maggiori fiere del libro europee si tengono ogni anno a Francoforte a ottobre e a Londra in marzo. La prima è organizzata dalla Frankfurter Buchmesse GmbH, che fa capo all’Associazione degli editori e dei librai tedeschi (Börsenverein des Deutschen Buchhandels), il modello a cui si ispira la Fiera di Milano. La Fiera di Londra è, invece, organizzata da Reed Exhibitions, una società indipendente che organizza 500 eventi in 30 Paesi in 43 diversi settori economici.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.