Le foto vincitrici del concorso di Magnum e LensCulture

Il primo organizzato dalla celebre agenzia fotografica e dall'autorevole rivista di fotografia

Sono stati annunciati i 12 fotografi che hanno vinto la prima edizione del Magnum and LensCulture Photography Award, un concorso organizzato dalla famosa agenzia fotografica Magnum e dal sito di fotografia LensCulture. Il concorso prevede due principali sezioni – immagini singole o serie fotografiche – divise a loro volta in sei categorie: open, documentari, fotogiornalismo, belle arti, street photography e ritratti. I vincitori della sezione “immagine singola” hanno vinto mille dollari, quelli della sezione “serie” duemila; le loro foto saranno esposte insieme a quelle dei finalisti in molte mostre e festival internazionali.

Tra le foto vincitrici ci sono quella di un membro dell’ISIS catturato da miliziani curdi, scattata dal danese Asger Ladefoged, una serie sui migranti del fotografo brasiliano Mauricio Lima, e quella della tedesca Sandra Hoyn che racconta le storie delle giovani prostitute di un bordello di Kandapara, in Bangladesh,

La giuria era formata da esperti internazionali di fotografia: Martin Parr, famoso fotografo e presidente di Magnum; David Kogan, amministratore delegato di Magnum; Stacey Baker, photo editor del New York Times Magazine; David Alan, fotografo di Magnum e fondatore della rivista Burn; Amy Pereira, responsabile della fotografia della rete televisiva MSNBC; Newsha Tavakolian, fotografa di Magnum; Jim Casper, editore di LensCulture.

Il concorso fa parte anche di una serie di eventi e di collaborazioni che Magnum ha deciso di organizzare in vista del suo 70esimo compleanno, nel 2017: è stata infatti fondata nel 1947 da Hneri Cartier-Bresson, Robert Capa, David “Chim” Seymour e George Rodger.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.