Sean Hayes, Jake Gyllenhaal e James Corden, 12 giugno 2016 (Theo Wargo/Getty Images for Tony Awards Productions)

Le foto più belle dei Tony Awards

Sono l'equivalente degli Oscar per il teatro, ma c'erano anche facce note del cinema e si è parlato della strage di Orlando

Sean Hayes, Jake Gyllenhaal e James Corden, 12 giugno 2016 (Theo Wargo/Getty Images for Tony Awards Productions)

Domenica sera si è tenuta al Beacon Theatre di New York la 70esima cerimonia di premiazione dei Tony Awards, i più importanti premi americani per il teatro, paragonabili a quello che sono gli Oscar per il cinema o gli Emmy per la tv. L’evento è stato condotto dal presentatore James Corden e trasmesso in diretta da CBS. I premi sono assegnati da una giuria di circa 700 esperti e suddivisi in 24 diverse categorie.
Il musical Hamilton ha vinto 11 dei 16 premi per cui era stato nominato, tra i quali quelli per miglior musical, miglior regia, miglior colonna sonora e miglior attore protagonista (Leslie Odom Jr) e migliori attori non protagonisti (Daveed Diggs e Renee Elise Goldsberry). Il premio come miglior attrice protagonista di un musical è stato vinto da Cynthia Erivo per The Color Purple. Per la prima volta, tutti i quattro vincitori nella categoria musical sono neri.

Il premio come miglior spettacolo è andato a The Humans, mentre hanno vinto come migliori attore e attrice protagonisti Frank Langella per “The Father” e Jessica Lange per “Long Day’s Journey Into Night”. L’elenco completo dei vincitori potete vederlo qui.

Durante la serata in molti hanno parlato della strage di Orlando: l’attore, cantante e compositore Lin-Manuel Miranda – creatore e principale interprete del musical Hamilton – ha recitato un sonetto per ritirare il premio per la Miglior colonna sonora e altri hanno indossato dei nastri argento in ricordo delle vittime.

Il discorso di apertura della cerimonia dei Tony Awards sulla strage di Orlando:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.