Circa 1955: A woman smelling a bouquet of Springtime flowers in a street in Holland. (Photo by Evans/Three Lions/Getty Images)
  • cit
  • lunedì 6 Giugno 2016

Perché scattare una fotografia per strada

Circa 1955: A woman smelling a bouquet of Springtime flowers in a street in Holland. (Photo by Evans/Three Lions/Getty Images)

«Quando sei per strada e una donna svolta l’angolo e ti si sottrae, e per un istante cogli il profilo del suo volto, il movimento della sua spalla, la forma del suo corpo, tu ti impegni… Ti innamori per un istante, o i tuoi sensi vengono turbati per un istante. Poi quella persona scompare e tu l’hai perduta per sempre. Quel che provi in quell’attimo, quell’occhiata a qualcuno fuori dalla tua portata, è ciò che ti dice di scattare una fotografia. È una sensazione. Quella donna è il mio equivalente fisico là fuori nel mondo. Per un momento lei occupa un posto che è sempre aperto, un posto in cui la sensazione può risiedere per un istante».

Joel Meyerowitz, Cape Light, 1979

Joel Meyerowitz (1938) è un importante fotografo di strada e di paesaggi statunitense, tra i primi a promuovere e valorizzare l’uso del colore, all’inizio degli anni Sessanta. Le sue fotografie sono state esposte in prestigiosi musei come il MoMA di New York e raccolte in 16 libri tra cui Cape Light, sui suoi scatti a Cape Cod.