Ora c’è Audible anche in Italia

È come Netflix ma per gli audiolibri: con un abbonamento mensile se ne possono ascoltare 12mila, di cui 2000 in italiano

Dall’11 maggio anche in Italia ci si può iscrivere ad Audible, un’azienda che realizza e distribuisce audiolibri, fondata nel 1995 e comprata nel 2008 da Amazon. Audible – disponibile negli Stati Uniti, in Australia, nel Regno Unito, in Francia, in Germania e in Giappone – funziona in modo simile a servizi di streaming come Spotify e Netflix: per ascoltare i 12mila titoli del catalogo italiano – di cui solo 2.000 in lingua italiana – bisogna fare un abbonamento mensile (i primi 30 giorni di prova sono gratuiti). Costa 9,99 euro al mese e ci si può accedere sia dal browser che da una app, disponibile sia per dispositivi Android sia iOS. Nella versione americana gli audiolibri si possono anche acquistare singolarmente.

Cosa si può ascoltare con Audible

Il catalogo disponibile in Italia comprende molte categorie, dagli audiolibri per bambini e ragazzi alle guide e ai manuali (ci sono audiolibri di ricette e corsi di lingua), dai romanzi gialli ai saggi e alle biografie. Ci sono 9.690 titoli in inglese e 619 in spagnolo, oltre a quelli in italiano; si possono scegliere anche in base alla durata: i più brevi durano meno di un’ora, i più lunghi anche oltre 20 ore; I promessi sposi letto da Paolo Poli dura, per esempio, 30 ore e 43 minuti. In occasione dell’arrivo di Audible in Italia l’attore Claudio Bisio ha letto una favola di Giorgio Faletti (1950-2014), La Piuma, pubblicata dopo la morte di Faletti. Negli Stati Uniti Audible ha collaborato con molti attori famosi, tra cui Claire Danes, Colin Firth, Anne Hathaway, Dustin Hoffman, Samuel L. Jackson, Diane Keaton, Nicole Kidman e Kate Winslet.

Gli audiolibri di Audible si possono ascoltare solo abbonandosi al servizio e non sono disponibili su altri rivenditori (come succede invece per gli ebook di Amazon). Tra i titoli realizzati finora ci sono libri pubblicati dalle case editrici Nottetempo (Siberiana di Luciana Castellina, Lo splendore casuale delle meduse di Judith Schalansky), Baldini & Castoldi (tra cui il saggio Piombo rosso di Giorgio Galli e Chiudi gli occhi di Raoul Montanari), Feltrinelli (La sposa giovane di Alessandro Baricco e Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli) e Fanucci (il romanzo per ragazzi La fine del cerchio di Beatrice Masini). La maggiore casa editrice italiana di audiolibri si chiama Emons, che ha realizzato molti dei titoli disponibili su Audible: nel 2015 le vendite sono aumentate del 20 per cento, ma il mercato degli audiolibri in Italia rimane molto limitato.

Tra gli audiolibri di Emons su Audible c’è Una cosa divertente che non farò mai più di David Foster Wallace, letto dall’attore Giuseppe Battiston, di cui potete ascoltare un estratto qui. Su Audible non ci sono ancora gli audiolibri della serie di Harry Potter che, in inglese, sono disponibili negli Stati Uniti da novembre 2015 e hanno avuto molto successo: circa 8.000 persone al giorno ne hanno scaricato uno nei primi quattro mesi in cui sono stati online.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.