(Chris Jackson/Getty Images)
  • Moda
  • mercoledì 20 aprile 2016

Come vestirsi come Kate Middleton

Quanto costano, di che marca sono e dove comprare i vestiti che ha indossato in India e Bhutan

(Chris Jackson/Getty Images)

Dal 10 al 17 aprile il principe britannico William e Kate Middleton, duchi di Cambridge, sono stati in viaggio ufficiale in India e Buthan. Sono stati entrambi molto fotografati, soprattutto Kate Middleton, che ha attirato l’attenzione anche per i frequenti cambi d’abito molto apprezzati come sempre dagli esperti di moda.

Si è parlato soprattutto di quello che ha indossato nell’ultimo giorno di visita al Taj Mahal, ad Agra, in India, e della gonna che ha scelto per il primo giorno in Bhutan, mentre provava il tiro con l’arco a Thimphu. Il primo è un abito della collezione resort 2015 di Naeem Khan (uno degli stilisti preferiti di Michelle Obama), per cui si era ispirato agli stili messicano e indiano. La gonna è stata invece cucita a Londra dalla tessitrice del Bhutan Kelzang Wang Mo, che lavora spesso per la famiglia reale bhutanese. Wang Mo ha spiegato che non sapeva che la duchessa avrebbe usato uno dei suoi capi: sono di seta, vengono fatti interamente a mano con tecniche tradizionali e per realizzarli solitamente ci vogliono cinque persone e tre mesi di tempo.

Kate Middleton ha cambiato spesso abito, riutilizzando alcuni che aveva già indossato in passato, e ha utilizzato più volte scarpe e accessori nel corso del viaggio. Ha inoltre scelto capi da centinaia di euro e altri low cost, compresi i pantaloni di Zara portati al parco nazionale di Kaziranga, in India. Negli ultimi giorni molti siti di moda hanno raccolto un po’ di informazioni sui vestiti scelti da Kate Middleton (e dalla sua stylist Natasha Archer) per il viaggio, permettendo di fare un bilancio su quanto siano costati.

Dentro ogni foto, informazioni, marchi e prezzi dei vestiti

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.