A destra l'abito ricevuto da una cliente che pensava di aver acquistato l'abito a sinistra (Rosewholesale Scam, pagina di Facebook)
  • Moda
  • mercoledì 6 Aprile 2016

Le truffe dei vestiti su Facebook

Pagine molto popolari propongono abiti bellissimi a prezzi stracciati, ma i clienti poi ricevono tutt'altro: dietro c'è un business da milioni di dollari

A destra l'abito ricevuto da una cliente che pensava di aver acquistato l'abito a sinistra (Rosewholesale Scam, pagina di Facebook)

BuzzFeed News ha indagato e scritto su un gruppo di siti di e-commerce di abbigliamento che vendono capi di scarsa qualità e a prezzi molto bassi (a partire da poche decine di dollari), promuovendo le offerte su Facebook e ingannando i propri clienti con immagini rubate da altri siti, riviste o profili di utenti dei social network. Spesso chi acquista capi di abbigliamento da questi siti di e-commerce rimane deluso: i prodotti consegnati non corrispondono alle immagini presenti sui siti, sia per aspetto sia per tipo di tessuto, le taglie sono sbagliate, a volte i prodotti emanano un cattivo odore. Otto di questi siti – Zaful, SammyDress, DressLily, RoseGal, RoseWe, TideBuy, Choies, e RomWe – appartengono a un’unica società cinese, la ShenZhen Global Egrow E-Commerce Co., o Global Egrow: si tratta di una società fondata nel 2007 che nel 2014 ha fatturato circa 200 milioni di dollari, equivalenti a 176 milioni di euro.

Un esempio di annuncio ingannevole:

edit-11496-1457505783-2

La Global Egrow controlla anche altri 41 siti, tra cui i rivenditori di giocattoli e di dispositivi elettronici volumebest.com e gearbest.com. Nel 2014 la società è stata comprata dall’azienda di abbigliamento Shanxi Baiyuan Trousers: appartiene a Yang Jianxin che nel 2015 la rivista Forbes ha messo al posto numero 394 della sua lista dei cinesi più ricchi. Secondo BuzzFeed News i siti di Global Egrow vendono vestiti utilizzando foto rubate in rete e raggiungono le loro clienti attraverso Facebook. Nonostante si possano leggere molti commenti negativi sotto agli ultimi post delle pagine di questi siti (le clienti si lamentano sia per problemi legati ai tempi di consegna sia per la differenza tra i capi pubblicizzati e quelli ricevuti), RoseGal ha più di 8 milioni di mi piace, DressLily ne ha 7 milioni, RoseWe e TideBuy più di un milione. Tra gli utenti di Facebook che hanno messo “mi piace” alla pagina ci sono anche molti italiani.

Su Facebook esistono anche alcune pagine e gruppi creati allo scopo di mettere in guardia le possibili clienti di DressLily da pessimi acquisti. Su uno di questi, chiamato Rosewholesale Scam (scam in inglese significa “truffa”) si possono trovare confronti tra le immagini dei prodotti ricevuti dalle clienti di questi siti e quelle dei capi che si aspettavano di ricevere. Uno dei confronti è stato realizzato da un’utente italiana.

L’aspetto più rilevante di questa storia è che le regole di Facebook non vietano a questi siti di mostrare immagini fuorvianti. Infatti Facebook è rigido per quanto riguarda le parole usate negli annunci e nei post pubblicitari, e le immagini che accompagnano il testo non devono essere offensive, ma non ci sono strumenti che gli consentano di riconoscere foto rubate a meno che chi ne detiene il copyright non ne segnali l’uso scorretto. Facebook non ha inoltre alcuna responsabilità legata alla vendita dei prodotti di scarsa qualità, dato che la vendita effettiva avviene altrove. BuzzFeed ha anche sottolineato come in termini di acquisti di spazio pubblicitario questi siti siano dei clienti importanti di Facebook. Nell’ultimo anno Facebook ha cercato di attrarre aziende cinesi che volessero vendere prodotti all’estero (Facebook è vietato in Cina) e il proliferare delle pagine dei siti di e-commerce della Global Egrow, chiaramente destinate a un pubblico internazionale dato che sono interamente in inglese (anche se di alcune esiste anche la versione francese), è una prova del successo di questa strategia.