Cosa pensa Grillo di Trump

«Beh, forse è meno peggio della Clinton»

Intervistato da Gaia Berruto per Wired, Beppe Grillo ha accennato tra le altre cose alla campagna elettorale in vista delle prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti e ha detto: «Il messaggio è sempre lo stesso: bisogna guardare il mondo al contrario: quando i media danno addosso totalmente a qualcuno, vuol dire che è nel giusto». La giornalista allora gli ha chiesto: «Per esempio Donald Trump?». Grillo ha risposto:

«Beh, forse è meno peggio della Clinton. Però se è quello che esprimono oggi gli Stati Uniti, non è una cosa straordinaria»

Nel resto dell’intervista, Grillo dice che il Movimento 5 Stelle si è espanso «perché è tutta gente infelice, è il disadattamento che ha unito tutte queste persone», che tornerebbe a fare tv ma «più su Netflix che sulla Rai» e si chiede se «può essere ancora il voto un modo per attuare la democrazia» e se non sia il caso di trovare «un altro sistema», «per esempio l’estrazione a sorte».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.