Un penitente della confraternita Vera Cruz a Cordoba, Spagna, 21 marzo 2016 (AP Photo/Manu Fernandez)
  • Mondo
  • giovedì 24 Marzo 2016

Il posto del mondo dove prima di Pasqua si scattano le foto migliori

I cristiani di tutto il mondo stanno celebrando la "settimana santa", ma il modo in cui si fa in Spagna è il più scenografico e suggestivo

Un penitente della confraternita Vera Cruz a Cordoba, Spagna, 21 marzo 2016 (AP Photo/Manu Fernandez)

Per i cristiani di tutto il mondo questa è la Settimana Santa, cioè quella che va dalla domenica delle Palme alla domenica di Pasqua e che ricorda la Passione di Cristo. Viene festeggiata dappertutto con molti riti tradizionali e giorni di preghiera e digiuno, ma il modo in cui viene fatto in Spagna è il più scenografico e suggestivo: per la Semana Santa ci sono moltissime processioni organizzate da confraternite religiose (associazioni di credenti cattolici che rappresentano diverse contrade o aree della città) dai nomi piuttosto evocativi come La Sangre (Il Sangue) o La Pasion del Senor (La Passione del Signore). Tra la migliaia di persone che hanno partecipato (e parteciperanno) alle processioni di questi giorni c’era anche l’attore spagnolo Antonio Banderas, che è di Malaga e ha sfilato a una processione della sua città.

I membri delle confraternite che sfilano in processione sono chiamati nazarenos o penitentes e indossano lo stesso costume, una sorta di divisa che ne segna l’appartenenza, composto da una tunica e da un copricapo per nascondere il volto: può essere un semplice sacco, un velo o i caratteristici e famosi capirotes altissimi e appuntiti. Siviglia è la città più famosa per le processioni della sua Semana Santa: le confraternite sono ben 57 e ogni giorno ne sfilano tra le 6 e le 9.