Angelino Alfano, 14 febbraio 2016 (Fabio Cimaglia / LaPresse)
  • Italia
  • venerdì 26 Febbraio 2016

Perché Alfano è indagato

È accusato di abuso d'ufficio insieme al suo viceministro e altri: l'indagine riguarda il trasferimento dell'allora prefetto di Enna e il commissariamento di un'università

Angelino Alfano, 14 febbraio 2016 (Fabio Cimaglia / LaPresse)

Il ministro dell’Interno Angelino Alfano è indagato per abuso d’ufficio dalla procura di Roma. L’inchiesta riguarda l’approvazione dello scorso 23 dicembre da parte del Consiglio dei ministri del trasferimento a Isernia dell’allora prefetto di Enna, Fernando Guida, che era arrivato in Sicilia nel gennaio del 2014. Oltre ad Alfano risultano indagati anche il viceministro del PD Filippo Bubbico e il suo segretario particolare Ugo Malagnino, l’ex senatore del PD Vladimiro Crisafulli e il presidente dell’università Kore di Enna, Cataldo Salerno.

L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto di Roma Francesco Caporale e dal sostituto Roberto Felici, ed è stata trasmessa al tribunale dei ministri lo scorso primo febbraio. Il 18 dicembre, pochi giorni prima di essere trasferito a Isernia e senza che venisse nominato un nuovo prefetto che ne prendesse il posto, Fernando Guida aveva avviato il procedimento di commissariamento della fondazione Kore, che sceglie il presidente dell’università non statale Kore di Enna. Nonostante il trasferimento, il commissariamento era avvenuto comunque: a fine gennaio, la vice prefetta vicaria di Enna Tania Giallongo aveva sciolto gli organi amministrativi dell’ateneo e aveva nominato tre commissari, per un periodo di sei mesi, prorogabili. L’inchiesta vuole accertare se il trasferimento di Guida non sia il risultato di un abuso di ufficio per bloccare il commissariamento.

Alfano ha reagito all’indagine dicendo che «la vicenda di cui si parla è un caso nato morto, superato e smentito dai fatti», che il trasferimento «è avvenuto in via del tutto ordinaria assieme a tanti altri» (nel Consiglio dei ministri del 23 dicembre vennero trasferiti altri 13 prefetti) e che quello di Guida avvenne senza che vi fosse «sollecitazione o pressione alcuna» e «con la piena condivisione dell’interessato». Sul trasferimento di Guida era intervenuto anche l’ex procuratore di Enna Calogero Ferrotti: «L’allontanamento di Guida è un vero sfregio al tessuto vivo di questo territorio. Fin dal suo insediamento aveva dato l’immagine autorevole della presenza dello Stato, in una terra difficile. Al radicamento di questi principi basilari, alcune forze, da tempo, si dimostrano invece indifferenti, se non addirittura avverse». Sergio Lari, procuratore generale di Caltanissetta, aveva detto del trasferimento: «Sono stati posti aperti tentativi di bloccare un’indagine della magistratura e di delegittimare con una denuncia fatti inesistenti contro chi stava conducendo quelle indagini nel pieno rispetto delle regole e senza alcun clamore mediatico».