(Gian Mattia D'Alberto / LaPresse)
  • Italia
  • domenica 7 Febbraio 2016

Giuseppe Sala ha vinto le primarie di Milano

L'ex commissario unico di Expo ha ottenuto circa il 42 per cento dei voti, 8 punti sopra la vicesindaco Francesca Balzani

(Gian Mattia D'Alberto / LaPresse)

L’ex commissario unico di Expo Giuseppe Sala ha vinto le primarie del centrosinistra per la carica di sindaco di Milano. Lo spoglio è quasi terminato: Sala ha ottenuto circa il 42 per cento dei voti. Al secondo posto c’è l’attuale vicesindaco Francesca Balzani con circa il 34 per cento dei voti, mentre terzo è l’assessore alle Politiche sociali in carica Pierfrancesco Majorino, attorno al 23 per cento. Antonio Iannetta è quarto con meno dell’1 per cento dei voti. In tutti hanno votato alle primarie 60.900 persone, mentre alle ultime primarie del centrosinistra per il sindaco, nel 2011, erano state circa 67mila. A Milano le prossime elezioni comunali si terranno in una data ancora non precisata ma compresa fra il 15 aprile e il 15 giugno 2016.

Il Partito Democratico, che assieme ad altri partiti del centrosinistra ha organizzato e gestito le primarie, ha attrezzato per l’occasione 151 seggi. Sabato si è votato solamente in 9 di questi, uno per ogni Zona in cui è divisa Milano, mentre domenica si è votato in tutti e 151. I seggi si sono chiusi alle 20: subito dopo sono stati diffusi exit poll che hanno mostrato cifre molto simili ai risultati parziali.

Giuseppe “Beppe” Sala ha 57 anni, è nato a Milano e dopo vari incarichi da manager – e una breve esperienza da direttore generale del Comune di Milano col centrodestra fra il 2009 e il 2010 – è diventato molto noto a livello nazionale per essere stato il commissario unico di Expo 2015, l’esposizione universale ospitata a Milano dall’1 maggio al 31 ottobre 2015. Balzani, che era sostenuta anche dal sindaco in carica Giuliano Pisapia, in passato è stata assessore al Bilancio di Genova ed europarlamentare del PD.

Il tema più trattato in campagna elettorale è stato fondamentalmente in che modo proseguire l’apprezzato mandato di Giuliano Pisapia, il sindaco eletto nel 2011 col centrosinistra che ha deciso di non ricandidarsi per un secondo mandato. Una delle proposte più discusse è stata quella di Balzani di rendere gratuiti i mezzi pubblici di superficie, duramente criticata dai suoi avversari. Durante le votazioni è circolata una polemica – ripresa fra gli altri da Beppe Grillo e Matteo Salvini – per il presunto elevato numero di elettori cinesi in alcuni seggi: in realtà si parla probabilmente di numeri piuttosto bassi, e le critiche sono state sminuite dai candidati.