Beppe Grillo (ANSA/ ALESSANDRO DI MEO)
  • Italia
  • martedì 29 Dicembre 2015

Il dato di Grillo sui morti per smog è affidabile?

Per niente: lo dice lo stesso docente di demografia autore dell'articolo citato impropriamente da Grillo

Beppe Grillo (ANSA/ ALESSANDRO DI MEO)

Negli ultimi giorni si è discusso molto di un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo, il leader del Movimento 5 Stelle, circa il presunto aumento dell’11 per cento del numero di morti in Italia nel 2015 rispetto al 2014, ricondotto dalle stesso Grillo a diverse cause a partire da quelle legate all’inquinamento atmosferico. Il post ha un titolo piuttosto apocalittico – “Morti di guerra in tempo di pace #68000morti” – e fa da introduzione a un articolo pubblicato sul sito Neodemos, un’organizzazione indipendente che si occupa di fare analisi sociologiche e demografiche di vario tipo. In quell’articolo non si fa però minimamente riferimento allo smog e viene data un’analisi più complessa e articolata del dato sull’aumento dei morti rispetto al 2014.

Nel suo post, Grillo accusa il governo di non avere protetto i suoi cittadini e cita diverse cause ambientali che, secondo lui, avrebbero contribuito all’11 per cento di morti in più:

Lo smog sta rendendo le città italiane sempre più simili a Pechino. A Milano (dopo che Pisapippa ha distrutto 573 alberi secolari che davano ossigeno) da domani per tre giorni la circolazione delle auto sarà vietata, poi si tornerà alla “normalità” e presto sarà vietata la circolazione delle persone, come in Cina appunto. Nel frattempo l’inquinamento ci avvelena, avvelenano i fumi dell’ILVA, avvelena la diossina che fuoriesce dagli inceneritori e che finisce dentro il nostro cibo, avvelena l’acqua che beviamo che scorre in tubature d’amianto. Giovani o vecchi, ci si ammala sempre di più e non ci sono i soldi per le cure nè per le medicine, con la crisi i soldi è meglio usarli per mangiare (alimenti probabilmente contaminati).

L’articolo di Neodemos citato da Grillo e scritto da Gian Carlo Blangiardo, docente di demografia all’università di Milano Bicocca, parla però di tutt’altro e ipotizza che l’aumento possa essere legato a cause diverse e più complesse:

Come si giustifica un rialzo della mortalità di queste dimensioni? E’ solo la naturale conseguenza del progressivo marcato invecchiamento della popolazione italiana o è (anche) un segnale di allarme? Il sistema socio-sanitario, che finora ha permesso un continuo allungamento della vita anche alle età anziane, inizia forse a subire gli effetti di una congiuntura economica meno favorevole? In altre parole ci chiediamo se i tagli alla sanità pubblica, dovuti alla crisi, abbiano accresciuto nel corrente anno il rischio di mortalità nei gruppi tipicamente più fragili: i vecchi.

In un’intervista pubblicata sulla versione cartacea del Mattino di Napoli, Blangiardo ha chiarito che l’aumento delle morti è reale ma che “da qui a imputare la causa all’inquinamento ce ne vuole”. Una delle cause è probabilmente l’invecchiamento della popolazione, con esiti sensibili in alcune grandi città come Milano dove è stato registrato un aumento tra gli 85enni: “Dunque almeno in 20mila casi il motivo è l’età sempre più avanzata”, ha spiegato Blangiardo. Secondo l’analista un’altra causa può essere trovata nella riduzione delle vaccinazioni nel 2015 rispetto al 2014, in seguito ad allarmismi infondati sulla sicurezza dei vaccini e al calo delle vaccinazioni influenzali. Blangiardo dice inoltre che tra le cause potrebbe esserci la crisi del sistema sanitario, che sta comportando in molti casi costi più alti per i pazienti.

Nell’intervista Blangiardo ha fatto indirettamente riferimento a Grillo, accusandolo di avere manipolato le informazioni che aveva pubblicato:

Il dovere di noi studiosi è informare in modo corretto perché chi ha il potere di intervenire per migliorare le cose possa farlo. È un servizio sociale in piena regola. Se poi c’è chi manipola i dati ad arte per finalità partitiche davvero non so che dire. Questa non è né resterà la prima e ultima volta. Io comunque vado avanti nel mio lavoro.

Per stabilire le cause dell’aumento delle persone morte tra il 2014 e il 2015 in Italia saranno necessari mesi di analisi, confronti e verifiche. L’emergenza legata all’inquinamento atmosferico si è inoltre intensificata nelle ultime settimane di quest’anno, per le quali non ci sono ancora dati definitivi come ha chiarito la stessa ISTAT in un suo comunicato. Quella dei 68mila morti in più è una stima basata sul tasso di crescita rilevato nei primi 8 mesi dell’anno: per gli ultimi 4 non ci sono ancora dati reali. È quindi possibile che il numero definitivo sia inferiore rispetto all’attuale previsione, ma saranno necessari mesi prima di avere qualche dato concreto.