(Piero Cruciatti / LaPresse)
  • Italia
  • venerdì 4 dicembre 2015

Un detenuto ha registrato le guardie carcerarie che ammettono di averlo picchiato

La registrazione è stata pubblicata da Radio Radiocale e dal Corriere della Sera

(Piero Cruciatti / LaPresse)

Il Corriere della Sera ha pubblicato una registrazione audio in cui si sentono alcuni estratti di conversazioni registrate in diversi momenti degli ultimi anni da un detenuto marocchino, Rachid Assarag. Le registrazioni sono state rese pubbliche dall’associazione “A buon diritto“, e prima che le riprendesse il Corriere sono state trasmesse da Radio Radicale. Nelle registrazioni si sentono agenti e personale penitenziario che ammettono di aver picchiato Assarag e, parlando con lui, dichiarano e menzionano diversi problemi dei carceri italiani. LaPresse scrive che Assarag ha quarant’anni e sta scontando una condanna a 9 anni e quattro mesi per violenza sessuale: dal 2009 a oggi è stato trasferito in undici diverse carceri. Il Corriere scrive che Assarag è da un mese in sciopero della fame e ha finora perso 18 chili.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.