• Mondo
  • martedì 17 novembre 2015

Le foto false dei civili morti a Raqqa

Circolano molto sui social network in questi giorni, ma sono vecchie immagini presentate in modo truffaldino

Nei giorni successivi agli attentati di Parigi di venerdì 13 novembre, la Francia ha bombardato la città siriana di Raqqa, la “capitale” dello Stato Islamico, il gruppo terroristico che ha rivendicato gli attacchi. I bombardamenti, ha detto il governo francese, hanno colpito obiettivi militari dello Stato Islamico, come caserme, centri di addestramento e depositi di armi.

Sui social network nelle ultime ore sono circolate fotografie di città distrutte, morti e feriti, descritte come causate dai bombardamenti francesi a Raqqa. Le foto però non sono state scattate a Raqqa e non mostrano i danni causati dagli attacchi francesi. Al Jazeera, inoltre, ha riportato testimonianze secondo cui non ci sono stati morti tra i civili a Raqqa e secondo cui, anzi, gli attacchi francesi hanno colpito solo basi abbandonate fuori dal centro della città. Anche Vice News ha riportato testimonianze di persone di Raqqa, membri del collettivo di attivisti “Raqqa Is Being Slaughtered Silently”: anche secondo le informazioni da Vice i bombardamenti francesi degli ultimi giorni non hanno ucciso civili.

Queste sono alcune delle foto che circolano in questi giorni, dentro c’è la spiegazione del perché non può essere stata scattata a Raqqa.
Attenzione, sono immagini di bambini morti e feriti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.