• Cultura
  • martedì 10 novembre 2015

In ordine alfabetico

Penguin Drop Caps è una collana le cui copertine sono disegnate con una lettera illustrata, l'iniziale dell'autore

Penguin Drop Caps è una collana di ventisei libri pubblicata dalla casa editrice inglese Penguin Books. La particolarità della collana sono le copertine disegnate dalla designer americana Jessica Hische: su tutte c’è un’illustrazione della lettera con cui inizia il cognome dell’autore o autrice del libro (A per Jane Austen, B per Charlotte Bronte). Inoltre le ventisei copertine messe vicine compongono l’alfabeto e uno spettro di colori.

Molti dei libri della serie sono dei classici, tra gli altri: Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen, Moby Dick di Herman Melville e Madame Bovary di Gustave Flaubert. Il libro più moderno – e anche il meno conosciuto della serie – corrisponde alla lettera X ed è La strada celeste del giornalista inglese, ma di origine cinese, Xie Xinran (non era facile).

Jessica Hische, l’autrice delle copertine, è una grafica americana di 31 anni molto famosa e apprezzata, ha lavorato con vari giornali americani tra cui Forbes e New York Times, ha realizzato le copertine di due libri di Dave Eggers e ha lavorato insieme al regista Wes Anderson. L’idea della collana di Penguin viene dal blog daily drop cap (in italiano, “una maiuscola al giorno”) che Hische aprì nel 2009. Sul blog pubblicava ogni giorno una illustrazione di una lettera ridisegnata con tecniche diverse. Paul Buckley, uno degli art director di Penguin, notò il blog e propose la collaborazione a Hische. Le illustrazioni si ispirano alle antiche miniature dei capilettera, cioè le immagini realizzate per decorare le lettere iniziali dei capitoli in un manoscritto, tradizionalmente di colore rosso. Le miniature più note sono quelle realizzate durante il Medioevo dagli amanuensi – i monaci dei monasteri che ricopiavano a mano manoscritti e altri libri – ma è una pratica iniziata nell’antico Egitto e continuata fino al tardo Rinascimento, quando la diffusione della stampa permise di creare illustrazioni in serie più a buon mercato.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.