• Cultura
  • Questo articolo ha più di sette anni

Il centenario di Walter Molino

Uno dei più importanti illustratori italiani nacque il 5 novembre 1915: è un buon motivo per riguardare i suoi lavori

Walter Molino è stato uno dei più importanti illustratori italiani: nacque a Reggio Emilia il 5 novembre 1915 – cento anni fa – e morì a Milano nel 1997. Molino esordì giovanissimo pubblicando vignette su quotidiani e settimanali, a partire dal giornale Libro e moschetto quando era ancora quindicenne; negli anni Trenta collaborò con Il Monello, L’Intrepido, Giovinetto, e poi negli anni successivi sui principali giornali satirici come il Marc’Aurelio, il Bertoldo e il Candido di Giovannino Guareschi.

Nel 1941 iniziò a realizzare le copertine della Domenica del Corriere, il supplemento illustrato del Corriere della Sera, sostituendo il pittore Achille Beltrame, in un’epoca in cui non c’erano ancora i fotoreporter e i grandi fatti di cronaca venivano raccontati attraverso le tavole illustrate: Molino continuò a realizzare le sue copertine romanzate e suggestive per trent’anni, diventando celebre per il suo stile ricco di particolari e di movimento. Nel secondo dopoguerra collaborò con la rivista Grand Hotel, realizzandone il logo, le copertine e alcuni romanzi sentimentali a fumetti, dedicandosi poi alla pittura e realizzando una ricca serie di caricature di personaggi famosi dello spettacolo e dello sport.