Cosa pensa Papa Francesco degli alieni

Che «finché non venne scoperta l’America noi pensavamo che non esistesse, e invece esisteva»

Drew Angerer/Getty Images

Il Fatto Quotidiano ha pubblicato oggi un’intervista di Papa Francesco alla rivista francese Paris Match. Nell’intervista si parla di diversi aspetti della vita del Papa, dei suoi recenti viaggi e di alcune questioni religiose. La giornalista di Paris Match Caroline Pigozzi a un certo punto chiede al Papa la sua opinione su alcune recenti scoperte astronomiche e delle ipotesi che si fanno spesso di trovare prima o poi altre creature pensanti nell’universo.

La Nasa ha annunciato lo scorso luglio la scoperta di un pianeta dalle dimensioni simili a quelle terrestri, Kepler 452 B, che assomiglia alla Terra. Ci saranno altrove altri esseri pensanti?
Non saprei davvero come risponderle: finora le conoscenze scientifiche hanno sempre escluso che vi sia traccia di altri esseri pensanti nell’universo. È vero, finché non venne scoperta l’America noi pensavamo che non esistesse, e invece esisteva. Ma in ogni caso credo che ci si debba attenere a quanto ci dicono gli scienziati, pur sempre coscienti che il Creatore è infinitamente più grande delle nostre conoscenze. Quello di cui sono certo è che l’universo, e il mondo in cui noi abitiamo, non è il frutto del caso né del caos, ma di un’intelligenza divina, dell’amore di un Dio che ci vuole bene, ci ha creati, ci ha voluti e non ci lascia mai soli. Quello di cui sono certo è che Gesù Cristo, il figlio di Dio, si è incarnato, è morto sulla croce per salvare noi uomini dal peccato, ed è risorto vincendo la morte.