Junot Díaz a New York nel settembre del 2013. (AP Photo/Bebeto Matthews)
  • cit
  • lunedì 12 Ottobre 2015

Finché le luci non decidono

Junot Díaz a New York nel settembre del 2013. (AP Photo/Bebeto Matthews)

«Una volta Ana Iris mi ha chiesto se Ramón lo amavo, e io le ho parlato delle luci tremolanti della mia vecchia casa a Santo Domingo, che sembravano sempre sul punto di spegnersi. Mettevi giù le cose e aspettavi e non potevi fare niente finché le luci non decidevano. Ecco, mi sento così, le ho risposto».

Junot Díaz, È così che la perdi (This is How You Lose Her, 2012), pubblicato nel 2014 da Mondadori, nella traduzione di Silvia Pareschi

Junot Díaz è uno scrittore nato a Santo Domingo (nel 1968) e cresciuto negli Stati Uniti, dove si è trasferito a sette anni con la famiglia, e dove vive tuttora. Nel 2008 ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa con La breve favolosa vita di Oscar Wao . È così che la perdi è la sua seconda raccolta di racconti ed è stata candidata al National Book Award.