• Mondo
  • venerdì 25 settembre 2015

L’uccisione di un uomo nero sulla sedia a rotelle nel Delaware

Secondo la polizia era armato, ma un video mostra l'intervento piuttosto violento di alcuni agenti e contraddice la loro versione

Il dipartimento di Giustizia del Delaware, negli Stati Uniti, ha avviato un’indagine su una sparatoria che si è verificata mercoledì scorso nella città di Wilmington e che ha causato la morte di Jeremy McDole, un uomo nero di 28 anni su una sedia a rotelle. L’inchiesta dovrà chiarire le circostanze in cui è morto McDole, considerato che le prime versioni fornite dalla polizia della città non corrispondono a quello che si vede in un video girato da una persona presente sulla scena della sparatoria, e successivamente pubblicato online.

Secondo la versione della polizia, gli agenti stavano intervenendo in seguito a una chiamata al 911 – l’equivalente del nostro 112 – per un uomo che si era sparato. Nel video si vede però un intervento molto determinato della polizia: un agente si avvicina a McDole, che non sembra ferito in modo grave, e gli intima di alzare le mani e di fare cadere a terra la pistola. Si sente un colpo di pistola e una persona vicina a chi sta facendo le riprese dice che McDole è stato colpito e che sta sanguinando. Intervengono poi altri agenti intimando altre cose al ragazzo, che intanto è ferito e chiaramente in difficoltà sulla sua sedia a rotelle. McDole prova poi a spostarsi, forse per recuperare qualcosa dalle tasche dei pantaloni, e poco dopo gli agenti sparano altri colpi verso di lui.

Nel video si vedono solo le pistole appartenenti ai poliziotti, mentre non è mai visibile la pistola che McDole avrebbe avuto con sé. La polizia di Wilmington ha però detto di avere trovato sulla scena una pistola calibro .38, che si sarebbe trovata vicino alla sedia a rotelle dell’uomo. McDole viveva in un ospizio poco distante da dove si è verificata la sparatoria. Era su una sedia a rotelle dall’età di 18 anni, quando era rimasto paralizzato a causa di una ferita da arma da fuoco.

Il capo della polizia e il sindaco di Wilmington hanno assicurato che saranno svolte indagini accurate per capire che cosa sia accaduto a McDole. Il video non sembra però lasciare molti dubbi e ha riportato di attualità il tema delle violenze da parte della polizia sui membri della comunità nera, a un anno di distanza dall’uccisione di Michael Brown a Ferguson, Missouri, e a numerosi altri casi nelle settimane seguenti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.