• Cultura
  • giovedì 10 settembre 2015

Nove cose al Festivaletteratura di Mantova

È cominciato uno dei più affollati dei tanti festival di libri italiani, e ci sono incontri del Post, vicini al Post, e che piacciono al Post

Festivaletteratura di Mantova. © Sandro Rizzo LaPresse

Mercoledì è iniziata la diciannovesima edizione di uno dei più importanti e affollati tra i tantissimi festival italiani dedicati ai libri e ai loro autori, il “Festivaletteratura” di Mantova, che durerà fino a domenica e ha in calendario più di 350 eventi a proposito di letteratura, attualità, musica e cultura. Gli ospiti invitati quest’anno sono 357, di cui più di 70 internazionali.

Si può scaricare il programma completo del festival, mentre qui c’è la mappa di Mantova con le location delle conferenze. Alcuni incontri saranno anche visibili in diretta streaming sul sito del festival. Ai lettori del Post, dei suoi collaboratori e delle sue storie potrà interessare segnarsi queste cose, nell’esteso programma.

1. Junk Francesco Costa. Giovedì, ore 19, tenda dei libri (ingresso libero).
Francesco Costa, giornalista e cofondatore del Post, è un proverbiale esperto di cibo, collezionista e cuoco di hamburger, e di recente sperimentatore dell’alimentazione via “Soylent“.

2. La povertà senza vergogna Kostas Akrivos con Filippomaria Pontani. Venerdì, ore 11, conservatorio di musica “Campiani” (5 euro).
Pontani sa quasi tutto di quasi qualsiasi cosa ma sul Post si è occupato molto di Grecia antica e moderna, in anni in cui la Grecia è diventata suo malgrado centrale in quello che succede

3. Blurandevù Zerocalcare. Venerdì, ore 22 e 30, piazza Alberti (ingresso libero).
Zerocalcare “non ha bisogno di presentazioni”, come dicono quelli: soltanto dell’avviso che vi conviene arrivare presto.

4. Carcerati Luigi Manconi, Maurizio Torchio e Marco Filoni. Venerdì, ore 21, Chiesa di Santa Paola (5 euro).
Sul carcere, i suoi fallimenti, le ipotesi di cambiarlo, il Post ha scritto spesso, e spesso citato le cose di Manconi e il suo libro.

5. Atteniamoci ai fatti Luca Sofri. Sabato, ore 15, tenda Sordello (ingresso libero).
Il peraltro direttore del Post parla del suo libro “Notizie che non lo erano“.

6. Le Olimpiadi del 1936 Federico Buffa, Emilio Russo, Paolo Frusca, Jvan Sica. Venerdì, ore 21 e 15, Teatro Sociale (15 euro).
Una storia raccontata in teatro, nel genere di racconto di storia del mondo a chi non lo sa, di cui siamo curiosi.

7. Pitching in Piazza Enrico Deaglio, Luca Sofri e Christian Elia. Domenica, ore 11, piazza Alberti (ingresso libero).
Discussione sulle scritture giornalistiche, col peraltro direttore.

8. Storie di caccia agli stranieri Enrico Deaglio e Marco Filoni. Domenica, ore 16 e 45, Basilica Palatina di Santa Barbara (5 euro).
Presentazione del bel libro di Enrico Deaglio, che racconta vecchie storie e spiega storie attuali.

9. Fotografia di lotta Letizia Battaglia e Letizia Muratori. Domenica ore 17 e 15, Aula magna dell’Università (5 euro)
Una cosa sul formato letterario e giornalistico della fotografia, che qui da noi è tenuto in grande considerazione, e su una che ne sa.