• Cultura
  • mercoledì 19 agosto 2015

Dismaland, il parco dei divertimenti di Banksy

"Divertimenti", più o meno, però ora è ufficiale: sarà aperto dal 22 agosto per sei settimane, in Inghilterra

L’artista Banksy ha confermato a BBC che il Tropicana – una spiaggia abbandonata e solitamente deserta di Weston-super-Mare, una località balneare nel Somerset inglese – ospiterà un “parco dei divertimenti” da lui progettato. Il parco si chiamerà “Dismaland” e ovviamente non è un normale “parco dei divertimenti”: il suo simbolo, per esempio, è un castello delle fiabe diroccato. Sarà aperto dal 22 agosto al 27 settembre, l’ingresso costerà tre sterline e sarà gratuito per chi ha meno di 5 anni. Il parco ospiterà anche opere di Damien Hirst, Jenny Holzer e Jimmy Cauty: la lista completa è qui.

dismaland

Negli ultimi giorni decine di persone si erano radunate attorno alla spiaggia, dov’è stata montata una struttura che ricorda un castello delle fiabe diroccato insieme a un minaccioso mulino a vento. Il nome Dismaland è un evidente riferimento al parco divertimento Disneyland: ma “dismal” in inglese vuol dire tetro, fosco.

Richard Jones, che ha pubblicato il libro Banksy’s Bristol: Home Sweet Home, ha detto a BBC che da tempo «si chiacchierava di un grosso spettacolo di Banksy ma nessuno ha mai saputo dove e quando si sarebbe tenuto».

plan

Qualche tempo fa sul posto era stata avvistata Holly Cushing, produttrice del film di Banksy Exit Through the Gift Shop. Sempre Cushing a maggio aveva fondato insieme a Simon Durban, che dirige la società che autentica le opere di Banksy, la società Dismaland LT. Negli ultimi giorni i lavori sono andati avanti con una certa segretezza: secondo la versione ufficiale, le installazioni erano parte del set di un nuovo poliziesco di Hollywood, chiamato Grey Fox.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.