• Mondo
  • mercoledì 12 agosto 2015

La storia della ragazza annegata a Dubai non è proprio come l’avete letta

Innanzitutto risale al 1996, ammesso che sia successo davvero: la fonte non è proprio affidabilissima

Martedì 11 agosto diversi giornali italiani e stranieri hanno ripreso e raccontato la storia di un padre che a Dubai ha lasciato annegare la figlia impedendo ai bagnini di soccorrerla: stando alla ricostruzione che ne hanno fatto i giornali, il padre – che viene descritto come “asiatico”, senza che ne venga specificata la nazionalità – avrebbe impedito ai bagnini di andare ad aiutare la figlia ventenne a causa delle sue credenze religiose: “se la toccata la disonorate”, avrebbe detto il padre ai bagnini. In realtà le cose sono un po’ diverse da come sono state raccontate dai giornali: la storia sembra essere vecchia di quasi vent’anni – quindi non proprio una “notizia” – e i fatti non sono mai stati realmente verificati.

La storia del padre asiatico che impedisce alla figlia di essere soccorsa è stata raccontata per primo dal sito di news Emirates 24/7, sito di news che fa parte della Dubai Media Incorporated e che non è solitamente considerato una fonte affidabile di notizie. Lo stesso articolo di Emirates 24/7, comunque, non specifica che la storia sia recente o accaduta poco tempo fa. Nell’articolo, che non riguarda direttamente la vicenda, la giornalista Muna Ahmed intervista il tenente colonnello Ahmed Burquibah, vice-direttore del dipartimento della polizia di Dubai che si occupa dei soccorsi in mare, e gli chiede a un certo punto quale sia il peggior incidente a cui ha avuto modo di assistere nella sua carriera. Burquibah racconta di un evento successo alla spiaggia di Dubai, ma non ne specifica la data: dice che quel giorno un padre asiatico arrivò sulla spiaggia con la moglie e i figli per fare un picnic. A un certo punto la figlia di 20 anni cominciò a urlare e chiedere aiuto, ma il padre – per evitare che qualche sconosciuto toccasse sua figlia – impedì ai bagnini di soccorrerla. Così la ragazza annegò. Il padre poi fu arrestato dalla polizia, aggiunge Burquibah.

Nella storia raccontata da Emirates 24/7, oltre al fatto che non viene specificata la data dell’episodio, non si dice nemmeno il motivo per cui non fu il padre stesso ad andare a soccorrere la figlia, o qualche altro membro della famiglia. Il racconto di Burquibah non è stato verificato da nessuno: si tratta di un aneddoto raccontato da un poliziotto a una giornalista, con molti punti poco chiari e che non è stato in seguito verificato in alcun modo. Il Guardian, che ha dedicato un breve articolo sulla vicenda, ha scritto che da ulteriori ricerche l’episodio potrebbe risalire al 1996.

La storia originale di Emirates 24/7 è stata ripresa da molti siti di news. All’estero dal Daily Mail (che ora l’ha rimosso), dal Telegraph, da Metro e anche da Sky News (la fonte di tutti è esplicitamente Emirates 24/7). In Italia dal Corriere della Sera, dalla Stampa, dal Giornale, dal Messaggero e dallo Huffington Post, tra gli altri.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.