Guida per capire True Detective

Domande e soprattutto risposte per chi ha perso il filo, o per chi non ha seguito, alla vigilia dell'ultima puntata (piena di SPOILER, se non siete in pari)

di Willa Paskin - Slate

Allora. Come siamo arrivati fin qui?
I detective Ray Velcoro (Colin Farrell), Ani Bezzerides (Rachel McAdams), e Paul Woodrugh (Taylor Kitsch) sono stati incaricati di scoprire chi ha ucciso Ben Caspere, il city manager di Vinci, California, che è stato trovato con i genitali spappolati e gli occhi distrutti con l’acido. Caspere è stato ucciso da qualcuno con una maschera da corvo: o almeno, il suo corpo è stato trasportato sul sedile del passeggero da qualcuno che aveva una maschera da corvo. Caspere era un socio in affari di Frank Semyon (Vince Vaughn), un paziente del dottor Irving Pitlor (Rick Springfield, sì, quello di “Don’t Talk to Strangers”), e un cultore di torbide cose di sesso.

Perché ci sono così tanti poliziotti sul caso?
Woodrugh, un agente della Pattuglia autostradale della California, ha trovato il corpo. Bezzerides, sceriffo della Contea di Ventura, è stata assegnata al caso per svelare la corruzione di Vinci. Velcoro, un detective della polizia di Vinci, è sul caso perché Caspere era un dipendente pubblico di Vinci; ma anche per evitare che le altre istituzioni di polizia scoprano la corruzione di Vinci.

Che genere di rapporti d’affari avevano Caspere e Frank?
Frank aveva dato a Caspere 5 milioni di dollari che, insieme a un investimento di altri 5 milioni da parte del gangster russo-israeliano Osip Argonov (Timothy V. Murphy), avrebbe dovuto garantire loro la proprietà di alcune terre dalla società Catalyst Group.

Cos’ha di così speciale quella terra?
Versione breve: la si comprava per poco e la si sarebbe venduta per molto. Versione lunga: la società di smaltimento rifiuti di Frank, Acheron Waste Management, d’accordo col sindaco di Vinci Austin Chessani (Ritchie Coster) e con la Catalyst, aveva riversato rifiuti tossici sull’area “ a nord” per abbassare il suo valore dopo che sarebbe diventata impossibile da coltivare. Ma Catalyst, Chessani, Caspere e Frank, tra gli altri, sapevano che il governo federale aveva un progetto di costruzione di una ferrovia ad alta velocità attraverso questo “corridoio” di terra, e che quindi l’avrebbe comprata a un prezzo molto più alto.

E questo piano è andato liscio senza intoppi?
Figuriamoci. Frank ha venduto sì la società di smaltimento rifiuti e ha dato i 5 milioni a Caspere. Ma Caspere è stato ucciso prima di dare i soldi a Catalyst. Con la morte di Caspere, i soldi di Frank sono spariti e con loro il suo accordo con Osip, lasciando Frank fallito e disperato e disposto a fare qualunque cosa (tipo estrarre dei denti con una tenaglia a uno che si era messo di traverso) per rientrare nei suoi traffici criminali che aveva appena abbandonato pensando di arricchire e ripulirsi.

Però viene fuori che Frank sarebbe stato fregato anche se Caspere non fosse morto. Caspere complottava con Osip, fin da quando Frank e Caspere erano andati in Europa per incontrare Osip sei mesi prima dell’omicidio. Dopo quell’incontro, Osip aveva contrabbandato assiduamente ragazze dell’Europa dell’Est in California e rilevato le ipoteche sui due locali di Frank, Vinci Gardens Casino e Lux Infinitum (è per questo che Frank li incendia nella penultima puntata: ora sono di Osip e Osip è il suo nemico). Quando Casper è morto, le sue quote di Catalyst sono state immediatamente riassorbite dalla società e ridistribuite a Osip e Tony Chessani (Vinicius Machado), il figlio del sindaco. L’accordo con Osip sarà concluso, si presume, nella puntata finale, quando cercherà di consegnare 12 milioni di dollari in contanti a Catalyst, e Frank cercherà di rubare i 12 milioni usando una lista della spesa, con ripetizioni.

E noi come sappiamo tutto questo?
Alucne informazioni sono state sparpagliate nelle puntate precedenti, ma nella penultima della stagione il collaboratore di Frank, Blake Churchman (Christopher James Baker) – quello a cui ha spaccato un bicchiere in faccia al rallentatore –, ha gentilmente spiegato tutto prima che Frank lo ammazzasse.

Chi è Blake?
Blake è un uno scagnozzo di Frank che ha cercato di fregarlo alle sue spalle. Oltre a confermare che Osip e Caspere hanno fatto il doppio gioco contro Frank, Blake si rivela essere anche quello che anni prima disse a Frank – mentendo – chi era lo stupratore della moglie di Velcoro.

Com’era quella storia lì?
Gena, la moglie di Velcoro, venne violentata brutalmente. Velcoro sentì dire che Frank poteva sapere chi era stato. Frank gli consegnò un nome. Velcoro ammazzò il tipo, e così si rovinò la vita e il matrimonio, e divenne un poliziotto corrotto al soldo di Frank. Ma adesso è stato individuato e arrestato il vero stupratore di Gena, riconosciuto attraverso il DNA. Ray allora è andato da Frank e gli ha puntato addosso una pistola sotto il tavolo della cucina per scoprire se Frank gli avesse consapevolmente dato un nome sbagliato, quello di un uomo che non era lo stupratore e che lui ha ucciso. Ma invece Frank non lo sapeva, che non era lui: aveva avuto quel nome da Blake, il quale voleva guadagnare credito presso Frank e aveva un tossico che lo minacciava da eliminare.

Altre cose da sapere, su Blake?
Blake è, o era, rosso di capelli.

E questo che c’entra?
È rosso anche Chad, il figlio di Velcoro, che Velcoro teme sia in realtà figlio dell’uomo che stuprò Gena. Ma va’ a sapere, potrebbe essere il figlio di chiunque altro (poi probabilmente finirà che è semplicemente figlio di Velcoro).

Due genitori castani possono avere un figlio rosso?
.

Quindi i capelli rossi di Blake potrebbero essere un segnale?
Lasciamo perdere, non hai idea di quante altre cose dobbiamo trattare, anche solo su Blake!

Ok, che altro c’è su Blake?
Ha ammesso di avere ucciso Stan. Stan era un altro degli uomini di Frank, che è stato trovato morto, con gli occhi bruciati come quelli di Caspere.

E quindi Blake ha anche ucciso Caspere?
No, Blake è stato molto convincente su questo: nessuno sa chi abbia ucciso Caspere.

Scusa il passo indietro, ma devo sapere qualcosa di Stan?
No. Ma prima che fosse trovato morto era apparso brevemente sullo sfondo in due scene. Dopo che è morto, Frank ne ha parlato un sacco ed è stato anche a trovare la vedova e il figlio. Blake l’ha ucciso perché Stan aveva scoperto i traffici di Blake e voleva ricattarlo.

Voleva ricattarlo perché aveva scoperto che Blake tramava con Osip e Caspere contro Frank?
Non solo, ma anche che era coinvolto nelle feste di sesso.

Ecco, le feste di sesso. Cosa c’entrano?
Indagando sulla morte di Caspere, Velcoro, Bezzerides e Woodrugh hanno scoperto che Caspere era coinvoltissimo nell’organizzazione di feste di sesso di alto bordo, nelle quali uomini ricchi e potenti in abiti eleganti facevano affari, e insieme avevano rapporti sessuali con ragazze stordite dalle droghe. Blake era uno degli organizzatori delle feste.

Chi altro se ne occupava?
Uno è il dottor Pitlor (Rick Springfield). Fa chirurgia estetica sulle ragazze per trasformarle “da 8 a 10”. Pitlor era anche lo psicanalista di Caspere e, salta fuori, il terapista della prima moglie di Austin Chessani, che si era uccisa perché – come dice Pitlor – aveva dei problemi “con alcune delle tradizioni patriarcali dei Chessani”. Inoltre negli anni Settanta Pitlor frequentava Austin Chessani e anche il padre di Bezzerides, Eliot (David Morse), che al tempo gestiva una comune chiamata The Good People. Anche Pitlor ha ricevuto la sua dose di faccia spaccata, da Velcoro, qualche puntata addietro.

Ma ancora più importante nell’organizzazione delle feste è Tony Chessani, il figlio del sindaco. Lo abbiamo visto la prima volta quando Bezzerides e Woodrugh sono andati alla villa del sindaco e Tony ha spiegato loro che il suo lavoro è organizzare “feste”. In un episodio ancora precedente Austin Chessany ha detto che Tony ha dei problemi mentali seri. Nella penultima puntata abbiamo saputo che neanche Tony va matto per suo padre: e sta tramando di rimpiazzarlo a Vinci.

Caspere e Tony Chessani usavano poi le feste per raccogliere materiale – foto, video – per ricattare i loro potenti ospiti.

Dove sono ora questi materiali?
Probabilmente nello hard disk di Caspere. Nella seconda puntata Ray – su una dritta di Frank – è andato a guardare nel secondo appartamento segreto di Caspere e ha visto una videocamera collegata a uno hard disk. Ma subito dopo qualcuno con una maschera da corvo gli ha sparato con dei proiettili di gomma. Quando Ray si è ripreso, lo hard disk era sparito.

E chi era?
Bella domanda. Quando Blake nega che lui o chiunque lavorasse con lui abbia ucciso Caspere sta anche dicendo che né lui né Osip, Chessani o Pitlor hanno lo hard disk. Un altro che non ce l’ha è Jacob McCandless (Jon Lindstrom), presidente di Catalyst. Dopo avere ignorato a lungo le richieste di Frank di riottenere uno degli appezzamenti di terra, McCandless gli ha promesso che gliene darà cinque se Frank ritrova lo hard disk.

Quindi immaginiamo che McCandless compaia in quello hard drive?
E non solo lui. Alla festa in cui Bezzerides ha ammazzato uno, lei vede non solo McCandless ma Osip, il Procuratore Generale Geldof (C.S. Lee) e il capo della polizia di Vinci Holloway (Afemo Omilami). Sembra anche che la festa sia proprio a casa di McCandless, perché pare che lui abbia un ufficio lì.

Scusa, mi mostri qualche foto di tutti questi?

Ottimo. Un’ultima cosa sulla festa: quando Bezzerides ha dei flashback sull’essere stata violentata, quello che vede è suo padre, quello della comune?
No, è un altro tizio con i capelli lunghi e la barba che somiglia a suo padre per quello. A quanto pare Bezzerides scomparve per quattro giorni quando era bambina ed era stata rapita da quest’uomo, ma non si era mai ricordata la sua faccia fino a quella festa. Non sappiamo ancora molto sulla comune dei Good People, o sul Panticapaeum Institute dove lavora adesso il padre di Bezzerides. La cosa che sappiamo è che si trova “al nord”, vicino a Guerneville, che è dove Bezzerides e Woodrugh trovano la scena del delitto in cui una donna è stata legata.

Ricordami questa…
Sì. Ancora all’inizio della storia Bezzerides e il suo collega Elvis sono stati chiamati per allontanare una donna dalla sua casa. Lei ha detto loro che si occupassero di sua sorella che era sparita, invece. Da allora abbiamo scoperto che la donna si chiama Dani e la sorella sparita Vera. Bezzerides se n’è dimenticata per un po’, ma poi Dani l’ha chiamata per dirle che aveva ricevuto una busta da sua sorella. Conteneva un gruppo di fotografie – tra poco ne parliamo meglio – che hanno attratto l’attenzione di Bezzerides. La quale ha chiesto a Elvis di trovarle l’ultima localizzazione del telefono di Vera, che era stato usato vicino a Guerneville. Quando Woodrugh e Bezzerides ci sono andati hanno trovato una villa e poco lontano nel bosco una baracca in cui una donna era stata legata e uccisa (la villa era stata probabilmente usata per le feste di sesso: il lampadario era lo stesso delle foto citate). Il sangue è probabilmente troppo vecchio per ottenerne il DNA, ma risulta positivo per la gonorrea. È una cosa rilevante perché anche Caspere aveva la gonorrea. Insieme a quello che Vera ha detto a Bezzerides nella penultima puntata – che le foto sono state spedite a sua sorella da una prostituta ungherese che si chiama Tasha che voleva ricattare alcuni dei tipi, e che Tasha era stata molto intima di Caspere, e che Tasha è stata portata nel bosco da Tony Chessani e i suoi – pare che la donna morta nella baracca sia questa Tasha, di cui si parlava fin dalle prime puntate.

Posso vedere una foto di Tasha?
No, non si è mai vista salvo che in una foto molto sfocata.

Aspetta, com’è che Vera ha detto queste cose a Bezzerides? Non era scomparsa?
Era scomparsa, ma Bezzerides l’ha trovata alla festa e l’ha portata via.

Ok, cosa c’era nelle foto?
Ecco, qui arriviamo ai diamanti blu. Le foto che Tasha ha spedito a Dani mostravano un uomo che sembrava molto Caspere insieme a delle ragazze che indossavano dei diamanti blu a una di quelle feste. Dopo la morte di Caspere, dei diamanti blu sono stati trovati nella sua cassetta di sicurezza. Ma quando Bezzerides, dopo aver visto le foto, è andata a cercarli ha scoperto che erano scomparsi. Allora Woodrugh è andato in giro per banchi dei pegni a cercarli: non li ha trovati ma ha scoperto che il detective Dixon era andato a cercarli prima di lui, già prima che si sapesse che erano nella cassetta di sicurezza.

Aspetta. Chi è Dixon?
Il poliziotto ubriaco e trasandato a cui hanno sparato in testa nella sparatoria. Questo.

td dixon

Cosa significa che stava cercando i diamanti già prima che si sapesse che erano spariti?
Significa che alcuni membri della polizia di Vinci sapevano già che Caspere aveva quei diamanti.

Come lo sapevano?
Perché li avevano rubati loro, nel 1992. Woodrugh ha parlato al poliziotto che aveva lavorato allora sul caso, il quale gli ha spiegato che dei diamanti del valore di due milioni e mezzo di dollari erano stati rubati da due uomini mascherati in una gioielleria di Hollywood nel ’92, nei giorni delle sommosse di Los Angeles. Nella penultima puntata Woodrugh ha verificato, sia con le sue ricerche che facendosi ammazzare, che i ladri erano stati gli allora agenti di polizia di Los Angeles Dixon e Kevin Burris (James Frain), che fecero la rapina d’intesa con il loro capo di allora Holloway e con Ben Casper, il contabile del Distretto di polizia. Dopo la rapina tutti e quattro si spostarono alla polizia di Vinci, dove poterono mantenere il loro sistema di corruzione con maggior tranquillità.

Qual è Burris?

td burris

Nella rapina furono coinvolti dei bambini, giusto?
Un dettaglio orribile della rapina è che i ladri uccisero i proprietari della gioielleria, i cui due bambini – Laura e Leonard Osterman – si dovettero nascondere dietro i loro cadaveri fino all’arrivo della polizia.

I bambini sono importanti?
A questo punto pare proprio di sì, e che siano quelli che hanno ucciso Caspere per vendicarsi. Una donna che frequentava le feste di sesso e che si chiama Laura compare nella foto di Caspere, Vera, Tasha e i diamanti. Velcoro l’ha riconosciuta come l’assistente di Caspere, Erica, che avevamo visto brevemente nella terza puntata, sul set del film. Da allora Erica/Laura ha lasciato il lavoro e abbandonato il suo appartamento. Di Leonard non sappiamo ancora niente.

Come è fatta Erica/Laura?

td laura

Può darsi che la cantante chitarrista depressa al bar abbia qualcosa a che fare con la morte di Caspere? O la cameriera con la cicatrice?
Al momento, non sembra. Una è solo una cameriera con una cicatrice. L’altra è solo l’inspiegabilmente depressa cantante chitarrista.

Ok, comincio a prendere le misure: ma dimmi, chi è la donna che compare sgozzata nella sesta puntata?
Questa è una domanda abbastanza complicata. Allora, ancora nella quarta puntata, prima della sparatoria, Woodrugh fu avvertito che uno degli orologi costosi di Caspere era stato venduto a un banco dei pegni (sapevano che era suo perché era stato registrato dall’assicurazione). Quando Woodrugh è andato al banco dei pegni, i video e le impronte digitali hanno indicato che l’orologio era stato venduto da una donna di nome Irina Rulfo, il cui sfruttatore era un criminale messicano che si chiamava Ledo Amarilla (che suona simile a “giallo”, come il Re Giallo, se non siete stanchi di questo genere di allusioni). A partire da questo indizio – che il messicano avesse delle cose di Caspere – Velcoro, Bezzeridies e Woodrugh e le loro squadre sono andati a cercarlo, col risultato di una sparatoria pazzesca e l’esplosione di un laboratorio clandestino di droghe sintetiche, risultato ribattezzato il massacro di Vinci. Con Amarilla e tutta la sua banda morti, il caso Caspere è stato chiuso.

Ma non è stato davvero Amarilla a uccidere Caspere…
No. Lo avevamo già capito, ma ora lo sappiamo per certo. Burris ha dato l’orologio a Irina perché lo portasse al banco dei pegni. Burris e Dixon avevano avuto rapporti in passato con Amarilla – lo avevano interrogato qualche anno prima senza verbalizzare – e quindi ci hanno anche collaborato intanto che lo incastravano. Il Dipartimento di Polizia di Vinci ha orchestrato tutta la cosa.

Aspetta, ma perché la ragazza è stata sgozzata?
Dunque, prima ancora che sapessimo che c’entrava Burris, Frank stava cercando il famoso hard disk per rientrare nell’affare degli appezzamenti di terra con Catalyst. Ha pensato che chiunque avesse dato l’orologio a Irina – lo aveva informato Velcoro – doveva avere anche lo hard disk o sapere chi lo avesse. Così ha cercato di trovare Irina. Questo ha implicato piantare dei chiodi addosso a qualcuno e chiudere un accordo sfavorevole con dei trafficanti che gestivano Irina e che volevano vendere droga nei locali di Frank. I messicani hanno fatto chiamare Frank da Irina e lei gli ha detto che un “poliziotto bianco magro” – Burris, evidentemente – le aveva dato l’orologio. Ma quando Frank è arrivato a un appuntamento con Irina per saperne di più, i messicani l’avevano sgozzata, per punirla che aveva parlato con un poliziotto.

Ok, ho qualche altra domanda. Perché Burris ha ammazzato Woodrugh?
Allora, a questo punto Burris e Holloway – che sono ufficiali molto importanti della polizia di Vinci – stanno disperatamente cercando di mantenere chiuso il caso Caspere, perché ulteriori indagini potrebbero risalire al loro ruolo non solo nella rapina del 1992 ma anche negli imbrogli sul progetto ferroviario. Ricordiamoci che Holloway era alla festa ed è anche in traffici con Catalyst. (Ci sono due tronconi fondamentali del complotto: quello Holloway-Burris-Dixon-Caspere e quello Tony Chessani-Osip-Blake-Caspere. Entrambi approfittano del progetto ferroviario, e sono quindi entrambi legati a Catalyst). Siccome Bezzerides ha ucciso un agente di sicurezza alla festa, è adesso ricercata ed è quindi neutralizzata: se si fa vedere, l’arrestano e la portano dai cattivi. Pure Velcoro è incastrato, perché è accusato dell’omicidio di Katherine Davis (Michael Hyatt).

Mi sono perso: Katherine Davis chi è?
Questa.

td davis

È il capo di Bezzerides. È quella che mette insieme Bezzerides, Velcoro e Woodrugh a indagare in segreto sul caso Caspere dopo il massacro di Vinci. Era convinta che il caso Caspere fosse stato chiuso solo perché da Vinci hanno pagato il procuratore generale e frequentatore delle feste di sesso Geldof – il quale all’indomani del massacro di Vinci si è candidato a governatore e, non a caso, ha ricevuto subito ingenti contributi. Davis non ha motivazioni particolarmente esecrabili, ma le interessa più interferire con la carriera di Geldof che smantellare tutto il complotto che ha a che fare con Caspere. Non che importi più molto, perché è morta: è la donna nera che Velcoro trova uccisa al posto di guida della macchina di lei. Velcoro immagina che l’abbiano uccisa Burris e Holloway, e che abbiano usato una delle armi prese in casa di Velcoro, per farlo accusare.

Bene, ma chiedo di nuovo: perché Burris ha ammazzato Woodrugh?
Woodrugh era l’unico dei tre che poteva ancora muoversi liberamente, e quindi il pericolo maggiore per Holloway e Burris. All’inizio provano solo a ricattarlo.

Con le foto di lui che ha rapporti sessuali con un altro uomo?
Esatto. Woodrugh aveva lavorato in Afghanistan per una società losca, Black Mountain, che si immagina sia una citazione di Blackwater. Ma da allora Black Mountain ha lasciato tutti i suoi clienti per lavorare solo per Catalyst. Il vecchio amico di Woodrugh, quello con cui ha fatto del sesso, lavora ancora per Black Mountain e lo aveva cercato solo per tenerlo d’occhio per conto di Black Mountain e Catalyst.

Quindi le foto di Woodrugh le ha fatte Catalyst?
Macché. Pare le abbia fatte il detective Dixon solo perché era un ficcanaso, e Holloway e Burris le abbiano trovate tra le sue cose dopo che è morto. Ma una volta trovate, hanno saputo cosa farne. Hanno costretto Woodrugh a incontrarsi con Holloway e un gruppo di uomini di Black Mountain in certi tunnel sotterranei per ottenere che dicesse loro dove fossero Bezzerides e Velcoro con i documenti sottratti alla festa (nota di nuovo come le due parti del complotto siano in rapporti stretti: Holloway e Burris usano la società di sicurezza di Catalyst). Woodrugh invece li ha attaccati, li ha ammazzati tutti tranne Holloway, e quando pensava di esserne sfuggito è stato ucciso alle spalle da Burris. Ora Burris, Holloway e Catalyst devono vedersela solo con Velcoro e Bezzerides, che sono entrambi ricercati e accusati di omicidio.

Ci sono altre cose che devo sapere?
Devo è una parola grossa. Però sì, ecco altre cose utili se, Dio ti benedica, stai ancora leggendo. A questo punto gli assassini di Caspere sembrano essere Erica/Laura, una ragazza che abbiamo visto una volta nella terza puntata, e suo fratello che – considerato che stiamo parlando di una serie tv – probabilmente abbiamo visto in qualche momento di sfuggita e in un ruolo poco significativo (magari il fotografo di scena sul set del film, per esempio). I 90 minuti della puntata finale – già! 90 minuti – dovrebbero mostrare Velcoro e Bezzerides che cercano di trovare Laura e Leonard e di parlare con l’FBI o “la cazzo di CNN” del complotto, perché se non ci riescono saranno uccisi da Burris, Holloway e compagnia. Nel finale dovremmo anche vedere Frank che usa l’artiglieria per rubare i 12 milioni di dollari a Osip e Catalyst prima di scappare in Venezuela con sua moglie Jordan che, hai visto mai, potrebbe pure tradirlo.

C’è qualche ragione per cui Jordan (Kelly Reilly) dovrebbe farlo?
Solo perché il suo ruolo è così insulso che magari diventerebbe un po’ interessante, almeno sulla carta.

Ultima domanda: quando sarà tutto finito, avrà un qualche senso?
Come si dice, il tempo è un ¯\_(ツ)_/¯ piatto.

Grazie molte a questo thread di Reddit, a questo tipo e a questo.

@Slate 2015

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.