Il consolato italiano al Cairo, l'11 luglio 2015. (AP Photo/Thomas Hartwell)
  • Mondo
  • sabato 11 luglio 2015

L’ISIS ha rivendicato l’attentato al consolato italiano al Cairo

Sabato mattina è esplosa un'autobomba nel centro della capitale egiziana: è morto un poliziotto, ci sono quattro feriti

Il consolato italiano al Cairo, l'11 luglio 2015. (AP Photo/Thomas Hartwell)

Verso le 6:30 di sabato mattina è esplosa un’autobomba fuori dal consolato italiano al Cairo, la capitale dell’Egitto: sia il governo italiano che quello egiziano hanno parlato di un attentato terroristico, e nel pomeriggio lo Stato Islamico (o ISIS) ha rivendicato l’attacco con un comunicato online. Hossam Abdel-Ghaffar, un funzionario del ministero della Salute, ha detto che una persona è rimasta uccisa, mentre fonti mediche hanno riportato di quattro feriti. L’esplosione, che è avvenuta mentre il consolato era chiuso, ha provocato diversi danni: ha rotto alcune tubature sotterranee allagando l’area circostante al consolato e ha danneggiato diverse automobili che erano parcheggiate nella via.

David Degner, fotografo di Getty Images, ha scattato alcune fotografie fuori dal consolato dopo l’esplosione (Degner è stato anche fermato insieme ad altri tre colleghi dalla polizia egiziana, tra cui l’italiano Alessandro Accorsi: sono stati tutti lasciati andare poco dopo).

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha confermato l’attacco su Twitter, specificando che non ci sono morti di nazionalità italiana e che l’autobomba è stata azionata a distanza.

Daniel Nisman, analista politico del Mediterraneo orientale e co-fondatore della società Levantine Group, ha scritto su Twitter che l’esplosione era certamente diretta contro il consolato italiano. Secondo Nisman, il tempismo dell’attacco – il fatto che sia stato compiuto di mattina presto, quando l’edificio era ancora chiuso – potrebbe significare la volontà di infliggere un danno relativo, una specie di avvertimento.

Di recente la situazione al Cairo è diventata piuttosto tesa: lo scorso mese l’esplosione di un’autobomba in città aveva ucciso il procuratore egiziano Hisham Barakat, e qualche giorno dopo un’altra autobomba diretta contro una centrale di polizia aveva ucciso tre persone. Gli attacchi sono stati ricondotti alle dure politiche del governo egiziano e del presidente Abdel Fattah al Sisi contro i gruppi islamisti, tra cui il movimento politico-religioso dei Fratelli Musulmani. Da quando al Sisi ha preso il potere nel colpo di stato dell’estate del 2013 contro l’ex presidente Mohammed Morsi, il regime egiziano ha incarcerato e condannato centinaia di esponenti dei Fratelli Musulmani e di altri gruppi islamisti. L’Italia si è mostrata finora uno dei paesi europei più vicini al nuovo governo egiziano.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.