Kanye West al Glastonbury. (Joel Ryan/Invision/AP)

Kanye West al Glastonbury: «State guardando la più grande rockstar vivente»

Il rapper americano si è esibito come headliner al festival, tra molte critiche: e ne ha detta una delle sue

Kanye West al Glastonbury. (Joel Ryan/Invision/AP)

Sabato sera il rapper americano Kanye West si è esibito come headliner al festival di Glastonbury, il più importante festival musicale europeo. Durante il concerto West ha detto:

Voglio dirlo stasera perché tra 20 anni, 30 anni, 40 anni, potrò non poterlo più dire, ma posso dirlo stasera… In questo momento state guardando la più grande rockstar vivente su questo pianeta.

La notizia dell’esibizione di West a uno storico festival rock come Glastonbury era stata accolta con diffidenza da molti appassionati, che avevano criticato la scelta. West è attualmente tra gli artisti più famosi e di successo al mondo: ha venduto 11 milioni di dischi solo negli Stati Uniti, e ha vinto 21 Grammy. Accanto ai suoi successi musicali, però, ha fatto parlare spesso di sé per i suoi modi stravaganti e certe dichiarazioni spesso esagerate: in passato si è paragonato a Leonardo da Vinci, a Shakespeare e a Gesù. Un tratto distintivo dei suoi concerti o delle sue apparizioni pubbliche sono i frequenti e lunghi monologhi, spesso un po’ sconclusionati: tra i più famosi c’è l’episodio dell’interruzione a Taylor Swift ai Grammy del 2009, o quella più recente ai danni di Beck, nel 2014. Contro l’esibizione di West al Glastonbury era stata organizzata anche una petizione online, firmata da oltre 130 mila persone e che chiedeva all’organizzazione del festival di sostituire West con una band rock.

Un altro motivo per cui West attira spesso su di sé l’attenzione dei giornali è la sua relazione con Kim Kardashian, personaggio televisivo americano che deve la sua fama a un reality show e probabilmente al momento la persona a cui vengono concesse più attenzioni dai giornali di gossip di tutto il mondo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.