Uno degli elicotteri usati dal servizio Fly to Expo

A Expo in elicottero

Se arrivate agli aeroporti milanesi può essere un'idea: da più lontano può essere un'idea costosa, ma vedete voi

Uno degli elicotteri usati dal servizio Fly to Expo

Tra i vari modi per raggiungere Expo c’è la solita macchina – che si può lasciare nei parcheggi intorno al sito – la comoda metropolitana, e due tram che portano all’ingresso Est Roserio. Non solo, da qualche giorno per raggiungere il sito dell’Esposizione dai vari aeroporti del nord Italia, oltre al treno, alla metro e all’autobus dal 9 giugno è attivo infatti un servizio di elicotteri, Fly to Expo, che porta i passeggeri a un eliporto situato vicino a Expo. La società temporanea (costituita apposta per questo servizio da alcune società specializzate nel settore) fornisce poi un servizio di navetta compreso nel prezzo che in pochi minuti accompagna i passeggeri all’entrata.

Il servizio – effettuato con elicotteri Agusta Westland e Airbus Helicopter a una velocità di circa 250 chilometri orari – prevede tre categorie di costo con dei nomi molto anni Ottanta, a seconda di quanti posti verranno occupati durante il volo. Più posti si prenotano meno si spende in pratica: con la categoria Luxury si può prendere l’elicottero anche da soli, o fino a due persone, con quella Exclusive si può salire massimo in cinque mentre si possono occupare fino a sei posti con la categoria Vip. Il costo varia anche dall’aeroporto scelto per la partenza. Per ora si può scegliere tra Milano Linate, Milano Malpensa, Verona Boscomantico, Aeroporto Niceli di Venezia Lido, Elimar Fiera di Brescia e Bergamo Orio al Serio.
Per esempio se si prenota un volo per sei da Linate o Malpensa a Expo il costo è di 114 euro a persona, mentre da Verona sono 466 euro a persona: il prezzo più alto è quello di Venezia, con 591 euro.

Se si vuole viaggiare da soli i costi aumentano: quello da Malpensa o Linate costa 283 euro a persona, e si arriva a un massimo di 1254 euro da Venezia: bisogna insomma avere delle solide ragioni o dei solidi patrimoni. Tutti i prezzi valgono soltanto per l’andata, se si vuole prenotare anche il ritorno il costo raddoppia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.