• Cultura
  • Questo articolo ha più di sette anni

Una scena di “Mad Max: Fury Road”

Esce oggi in Italia il quarto film della saga su Max Rockatansky, con un sacco di macchine, polvere e gente matta

Oggi esce in Italia il film Mad Max: Fury Road, il quarto della saga con protagonista Max Rockatansky, il personaggio creato dal regista George Miller. La storia è ambientata in Australia, in un futuro distopico: in seguito a una serie di proteste e ribellioni gran parte del paese è controllato da bande di criminali che girano con strani e arrabattati veicoli. All’inizio del primo trailer del film si sentono delle voci fuori campo, probabilmente dei notiziari, dire che «Tutto dipende dal petrolio» e che «Uccidiamo per la benzina».

In questa scena del film si può vedere il livello di follia del mondo di Mad Max: un personaggio, Nux, interpretato da Nicholas Hoult, guida un’automobile sulla quale è legato Max Rockatansky, interpretato da Tom Hardy. Nux cerca in tutti i modi di farsi notare da Immortal Joe, il capo di un gruppo di banditi, che è così temuto e ammirato che il solo fatto di avere rivolto il suo sguardo verso Nux lo manda in estasi.

Il primo film su Mad Max, Interceptor, era uscito nel 1979; il secondo, Interceptor – Il guerriero della strada, nel 1981; il terzo, Mad Max – Oltre la sfera del tuono, nel 1985. Sono passati trent’anni tra l’ultimo film e quello che esce oggi. Nei primi tre film Mad Max è stato interpretato da Mel Gibson, sostituito da Tom Hardy in Mad Max: Fury Road.

In questo video del backstage si vede come molte delle scene d’azione sono stati girate proprio dagli attori, senza usare grandi effetti speciali o simulazioni al computer.