I primi giorni di Expo 2015 fotografati

Nuove foto mostrano cosa c'è concretamente da vedere all'attesa esposizione universale, inaugurata venerdì

Expo 2015, l’esposizione universale organizzata a Milano dopo anni di attese, discussioni, polemiche e proteste, è iniziata venerdì primo maggio. Giuseppe Sala, Commissario unico di Expo 2015, ha detto ieri che finora i biglietti venduti per Expo sono stati più di 11 milioni, un milione dei quali è stato venduto negli ultimi due giorni. L’agenzia Ansa ha pubblicato un comunicato che parla di oltre 400mila visitatori tra venerdì e sabato. La cerimonia di inaugurazione di Expo 2015 si è svolta il primo maggio ed è stata seguita in televisione da 4 milioni di italiani. 

Secondo il sito ufficiale dell’Expo ci sono 145 paesi partecipanti (che rappresentano il 94 per cento della popolazione mondiale), ma hanno degli spazi anche aziende, organizzazioni internazionali e no profit. I paesi che hanno presentato un progetto specifico sul tema della nutrizione sono 94, mentre hanno aderito tre organizzazioni internazionali: l’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite), l’UE (Unione Europea) e il CERN (Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare).

(Le nuove architetture di Milano)

Sono 53 i paesi che hanno deciso di costruire un loro padiglione espositivo – record assoluto di tutte le esposizioni – con un tema personale collegato a quello generale dell’Expo. Di fatto, ogni paese fa ciò che vorrà col suo padiglione: esporre materiale informativo, proporre (e vendere) cibo, organizzare attività interattive, eventi e mostre. Gli altri paesi hanno uno spazio all’interno di uno dei nove Cluster tematici: aree comuni che raggruppano i paesi che non avranno un loro padiglione. In passato questi paesi erano messi insieme secondo criteri geografici (tutti gli europei, tutti gli africani, etc) ma stavolta si è deciso di raggruppare i paesi secondo un criterio tematico. I nove temi dei cluster sono: riso, cacao e cioccolato, caffè, frutta e legumi, spezie, cereali e tuberi, bio-mediterraneo, isole mare e cibo, zone aride.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.