Anthony Quinn era nato un secolo fa

Studiava architettura con Frank Lloyd Wright, il quale gli disse "meglio se fai l'attore"

Tra quando nacque, esattamente cento anni fa, e quando divenne famosissimo come attore hollywoodiano, ad Anthony Quinn ne erano già successe parecchie: era nato in Messico da una madre messicana e un padre irlandese, era cresciuto tra il Texas e Los Angeles dove suo padre aveva fatto il cameraman, aveva fatto il pugile e aveva studiato architettura con Frank Lloyd Wright, nientemeno. Il quale gli consigliò di accettare un lavoro da attore.

Cominciò col cinema a vent’anni ma solo dai quaranta in poi diventò famosissimo come interprete di una serie di ruoli che ci si chiede se sarebbero potuti esistere senza di lui: alto, robusto, volto epico, da dopoViva Zapata! (con cui vinse un Oscar: il secondo lo prese nel 1956 per Brama di Vivere) ebbe anche un rapporto intensissimo col cinema italiano che in quegli anni Cinquanta era molto al centro del mondo. Tra gli altri, fu un celeberrimo Zampanò nella Strada di Federico Fellini. Per due decenni fece moltissimi film ogni anno, tra cui I cannoni di Navarone, Lawrence D’Arabia, Zorba il greco.
Ancora negli anni Ottanta fu tra i protagonisti di film diversamente memorabili: Il leone del deserto, Revenge con Kevin Costner, Jungle Fever di Spike Lee.

Anthony Quinn morì a Boston nel 2001, a 86 anni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.