I film del weekend

L'ultimo film con Johnny Depp e quello col titolo lunghissimo che ha vinto il Leone d'oro all'ultimo festival di Venezia: tutti i trailer

Questa settimana esce Mortdecai, diretto da David Koepp (sceneggiatore, tra gli altri, di Jurassic Park e Carlito’s Way), con Johnny Depp, Gwyneth Paltrow, Paul Bettany, Ewan McGregor e Olivia Munn: è la storia di Charlie Mortdecai, un bizzarro mercante d’arte che deve gestire diverse situazioni problematiche con sua moglie, i servizi segreti inglesi, un terrorista internazionale e un gruppo di russi molto arrabbiati. Il settimo figlio, diretto da Sergej Bodrov, è l’adattamento del romanzo fantasy L’apprendista del mago di Joseph Delaney, sulla storia di un anziano stregone che decide di ingaggiare un apprendista e sceglie il giovane figlio di un contadino, Thomas Ward. Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza, del regista svedese Roy Andersson, è il film vincitore del Leone d’oro al festival del cinema di Venezia del 2014, sulla storia di un viaggio di due venditori ambulanti di travestimenti e articoli per le feste.

Escono infine Noi e la Giulia, di Edoardo Leo, che racconta di tre quarantenni insoddisfatti che decidono di aprire un agriturismo tra mille imprevisti e il film tedesco Il segreto del suo volto, sulla storia di una sopravvissuta al campo di sterminio di Auschwitz col volto sfigurato che torna a Berlino alla ricerca di suo marito.

Mortdecai
Regia: David Koepp
Attori: Johnny Depp, Gwyneth Paltrow, Paul Bettany, Ewan McGregor, Olivia Munn

Il settimo figlio
Regia: Sergej Bodrov
Attori: Julianne Moore, Jeff Bridges, Ben Barnes, Kit Harington, Olivia Williams

Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza
Regia: Roy Andersson
Attori: Holger Andersson, Nisse Vestblom, Lotti Törnros, Charlotta Larsson, Viktor Gyllenberg

Noi e la Giulia
Regia: Edoardo Leo
Attori: Luca Argentero, Edoardo Leo, Claudio Amendola, Anna Foglietta, Stefano Fresi

Il segreto del suo volto
Regia: Christian Petzold
Attori: Nina Hoss, Ronald Zehrfeld, Nina Kunzendorf, Michael Maertens, Imogen Kogge

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.