• Mondo
  • martedì 2 dicembre 2014

Le richieste delle rockstar

Se la lista di Hillary Clinton per le università vi è sembrata esagerata, aspettate di conoscere quelle di Coldplay, Rolling Stones e Van Halen

di Peter Holley - Washington Post

Quindi vorreste prenotare Hillary Clinton per un discorso nella vostra università? Per cominciare avrete bisogno di un sacco di soldi: intorno ai 300mila dollari (circa 240mila euro), se vi fanno la “tariffa speciale per le università”. Da lì le cose diventano un pochino più facili, sempre che voi e il vostro team abbiate facile accesso a spicchi di limone, cuscini rettangolari e hummus. Secondo il documento pubblicato dal Washington Post le notevoli richieste di Hillary Rodham Clinton includono, tra le altre cose: fette di limone, acqua a temperatura ambiente, un computer, un mouse, una stampante, uno scanner, hummus, sedie con due cuscini grossi e rettangolari, ginger ale senza zucchero, un piatto di verdure crude e della frutta già tagliata.

I critici hanno sottolineato che Hillary Clinton ha richieste da rockstar (anche se non è chiaro perché una rockstar dovrebbe domandare uno scanner per computer nel backstage nel 2014). Ma cosa succede se si paragona la lista delle sue richieste con quelle delle vere rockstar? quelle che hanno incluso cose come aringhe in aceto o un divieto per le M&Ms marroni? Date un’occhiata a questa lista creata dai tuttofare dei concerti, quelli che si occupano tra le altre cose di far trovare agli artisti tutto quello che richiedono, disponibile anche sul sito “The Smoking Gun“.

Cosa chiedono i Coldplay
Nelle loro clausole i Coldplay – una band formata da vere rockstar, tra cui il padre di un essere umano chiamato con il nome di un frutto: il leader del gruppo, Chris Martin, ha una figlia che si chiama Apple – chiedono, in maiuscolo, “BIRRE LAGER FREDDE E FORTI”. Devono essere “BECKS o simili”, continua la band, passando dal minuscolo al maiuscolo in modo orribile, “NON STELLA ARTOIS E NON BIRRE AMERICANE”. In lista ci sono anche 60 asciugamani da bagno, l’accesso ad almeno quattro docce calde “per tutto il giorno” e una selezione di stuzzichini.

Cosa chiede Drake
Il cantante hip-hop Drake richiede quattro dozzine di bastoncini di incenso profumato, candele profumate, due pacchi di magliette bianche di Hanes (taglia L) e una bottiglia di sapone liquido alla menta di Dr. Bronner. Ah, e non dimenticatevi le “lasagne vegetariane”.

Cosa chiedono i Rolling Stones
Durante il “Bigger Bang Tour” del 2005 gli Stones chiesero dei camerini separati per i membri della band, ciascuno dei quali aveva richieste individuali. Per Mick Jagger la lista includeva una linea telefonica, una connessione internet veloce, quattro sedie “da campeggio”, quattro “prese elettriche separate”, due tavoli con cibarie lunghi “due metri” e una televisione con decoder satellitare, con una richiesta ben precisa: “Per favore scoprite su che canale fanno vedere il cricket, quello è il canale che ci serve di più”.

Il foglio includeva anche una richiesta per una seconda area da allestire per Jagger: “La zona dovrebbe essere un’area privata, lunga circa sette-nove metri e larga tre metri. Dev’essere un’area non distante dal camerino… occasionalmente bisognerà provvedere a coprire l’area con tende e drappeggi”. C’era anche la richiesta di una stanza separata per il biliardo, ma i promotori non avrebbero dovuto stressarsi troppo “poiché la band viaggia con il suo tavolo”.

M.I.A.
La lista della rapper inglese M.I.A. assomiglia a quella di Hillary Clinton in almeno una cosa: tutte e due vogliono il loro hummus. Il menù del backstage di M.I.A. del tour del 2011 comprendeva anche un vassoio di formaggio europeo con crackers, una selezione di cioccolato di qualità e una bottiglia di assenzio. Da non trascurare, ricorda la lista, tre ragazze tra i 20 e i 25 anni che possano scatenarsi con la musica sul palco per tutta la durata dello show. Devono essere della stessa altezza, con lo stesso fisico, e devono indossare un burka che copra tutto il corpo.

50 Cent
Oltre ai sigari cubani, 50 Cent vuole del pollo con gamberi. Ma queste cose non devono essere comprate e messe nel camerino finché il manager del tour non dà il via libera. Ah, un’altra cosa: “I GAMBERETTI DEVONO ESSERE MANTENUTI IN GHIACCIO”. Domande sui sigari cubani o sui gamberetti in ghiaccio? Chiamate “Ralph”.

Van Halen
«Ammirate il Santo Graal», dice il sito The Smoking Gun, «cioè il foglio di richieste più famoso di tutti, quello in cui i Van Halen avevano bandito le M&M’s marroni dai camerini». Il documento è del 1982 ed è lungo 53 pagine. Tra le richieste ci sono: aringhe in aceto, quattro casse di birra Schlitz, otto bottiglie di vino e liquori, un tubetto grande di lubrificante KY Jelly e M&M’s (“ATTENZIONE: ASSOLUTAMENTE NON QUELLE MARRONI”). Dice The Smoking Gun: «Sebbene quella lista di richieste venisse spesso descritta come esempio degli eccessi del rock, il gruppo disse che la cosa delle M&M’s veniva inserita per essere sicuri che i promoter leggessero tutta la lista. Se c’erano le M&M’s marroni nel camerino, i Van Halen capivano che forse anche gli aspetti più importanti per la loro performance – luci, palco, sicurezza e biglietti – erano stati eseguiti in modo disattento».

foto: i Coldplay. (Ethan Miller/Getty Images for iHeartMedia)

 © Washington Post 2014

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.