• Italia
  • martedì 2 dicembre 2014

Gli arresti di Roma

L'ex sindaco Gianni Alemanno è indagato per associazione a delinquere di stampo mafioso e Massimo Carminati, ex membro della banda della Magliana, è stato arrestato

Trentasette persone sono state arrestate a Roma in un’operazione di polizia nell’ambito di un’inchiesta per “associazione di stampo mafioso”. Otto di loro si trovano agli arresti domiciliari. Nella stessa inchiesta sono stati notificati anche 39 avvisi di garanzia per reati che vanno dall’associazione di stampo mafioso all’estorsione, dall’usura alla corruzione, dalla turbativa d’asta a riciclaggio e altri illeciti. La Guardia di Finanza ha eseguito un decreto di sequestro di beni riconducibili agli indagati per un valore di 205 milioni di euro e ci sono state diverse perquisizioni: nella sede della Regione Lazio, al Campidoglio, in 24 aziende e varie abitazioni.

Fra le persone indagate c’è l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno: la sua casa è stata perquisita e il reato che gli è stato contestato è associazione a delinquere di stampo mafioso. Tra gli arrestati c’è invece l’ex amministratore delegato dell’Ente EUR, Riccardo Mancini, e l’ex terrorista di estrema destra dei NAR (Nuclei armati rivoluzionari) ed ex membro della banda della Magliana Massimo Carminati. In due case di Carminati sono stati sequestrati anche 50 quadri: fra gli autori Andy Warhol e Jackson Pollock. Il comandante dei Ros, il colonnello Mario Parente, ha detto che potrebbero «essere riconducibili a un traffico di opere d’arte».

Nella lista delle persone che sono state arrestate ci sono: Franco Panzironi, ex amministratore delegato AMA, l’azienda che a Roma si occupa di rifiuti; Luca Odevaine, vicecapo di gabinetto dell’ex sindaco di Roma Walter Veltroni tra il 2003 e il 2005 e ex capo della polizia provinciale; Riccardo Brugia, storico esponente dell’estrema destra romana; Salvatore Buzzi, presidente di una cooperativa che si occupa, per esempio, della manutenzione delle aree verdi del comune di Roma. Tra gli indagati, dice il Corriere, «ci sono l’assessore alla Casa Daniele Ozzimo, il presidente dell’assemblea capitolina Mirko Coratti (entrambi dimissionari), il responsabile della direzione Trasparenza del Campidoglio Italo Walter Politano (che domani sarà rimosso dal suo incarico), i consiglieri regionali Eugenio Patanè e Luca Gramazio». Luca Gramazio è capogruppo di Forza Italia, Eugenio Patanè è del PD.

L’indagine è coordinata da tre pubblici ministeri (Luca Tescaroli, Paolo Ielo e Giuseppe Cascini) sotto la supervisione del procuratore capo della procura di Roma Giuseppe Pignatone che ha detto: «Con questa operazione abbiamo risposto alla domanda se la mafia è a Roma. La risposta è che a Roma la mafia c’è e dimostra originalità e originarietà». Repubblica scrive che al centro delle indagini c’è un «ramificato sistema corruttivo» che ha a che fare con l’assegnazione di appalti e finanziamenti pubblici dal comune di Roma e dalle aziende municipalizzate con interessi anche nella gestione dei centri di accoglienza per gli immigrati. A capo dell’associazione «con infiltrazioni nel tessuto imprenditoriale, politico e istituzionale» ci sarebbe Massimo Carminati.

«Allo stato dell’indagine – si legge nell’ordinanza d’arresto firmata dal giudice Flavia Costantini citata dal Corriere della Sera – può essere affermato con certezza che vi erano dinamiche relazionali precise, che si intensificavano progressivamente, tra Alemanno, sindaco di Roma, e il suo entourage politico e amministrativo, da un lato e il gruppo criminale che ruotava intorno a Carminati, dall’altro; dinamiche relazionali che avevano ad oggetto specifici aspetti di gestione della cosa pubblica e che certamente non possono inquadrarsi nella fisiologia di rapporti tra amministrazione comunale e stakeholders». In un breve comunicato pubblicato nel primo pomeriggio, Alemanno si è comunque detto in grado di dimostrare la sua «totale estraneità ad ogni addebito».

Il nome di Massimo Carminati, è legato ai cosiddetti “anni di piombo”. Carminati ha 56 anni, è nato a Milano e fin da giovane ha iniziato a frequentare gli ambienti dell’estrema destra aderendo infine ai NAR, i Nuclei armati rivoluzionari, frequentando, tra gli altri, Franco Anselmi, ex missino e fondatore dei NAR, Valerio Fioravanti, poi condannato in via definitiva per la strage alla stazione di Bologna con la compagna Francesca Mambro, e i componenti di quella che diventerà la Banda della Magliana. Scrive Repubblica:

«Nonostante molti pentiti lo abbiano indicato tra gli autori di attentati e agguati mortali, su di lui la magistratura non è mai riuscita a trovare prove in grado di inchiodarlo. Così è accaduto per l’episodio più oscuro di quella stagione: l’omicidio di Mino Pecorelli, direttore del settimanale Op Osservatorio Propaganda, iscritto alla P2 e legato ai Servizi segreti. Assassinato con tre colpi di pistola a Roma la sera del 20 marzo del 1979, il giornalista, famoso per i suoi ricatti che lanciava attraverso le pagine della rivista, si è portato nella tomba i tanti segreti che custodiva. Aveva appena stampato l’ultimo numero con un titolo eloquente, quello che anticipava lo scandalo delle tangenti ai partiti: Gli assegni del Presidente. Secondo Antonio Mancini, pentito della Banda della Magliana, “fu Massimo Carminati a sparare assieme a Angiolino il Biondo, Michelangelo La Barbera, un killer di Cosa Nostra. Il delitto era servito alla banda per favorire la crescita del gruppo, favorendo entrature negli ambienti giudiziari e finanziari romani, ossia negli ambienti che detenevano il potere”. L’assassinio di Pecorelli era un favore a Cosa nostra. Il cemento che avrebbe sancito l’alleanza con i clan di Palermo.

Solo nel 1998, dopo una grande operazione della polizia, grazie alle rivelazioni di numerosi pentiti dalle Magliana, Carminati fu condannato in secondo grado a 10 anni di reclusione. Del “guercio” non si è più sentito parlare. L’ex militante dei Nar, affiliato a pieno titolo nella banda più aggressiva e pericolosa della Capitale, emigra all’estero. Probabilmente in Giappone, terra di rifugio per molti terroristi neri latitanti. Poi, con la stessa discrezione e cautela di sempre, rientra nella Città Eterna e inizia a tessere le vecchie amicizie. Grazie anche alla conquista del Comune di Roma da parte della destra di Gianni Alemanno».

foto: Gianni Alemanno. (GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.