BEIJING, CHINA - NOVEMBER 10: Russian President Vladimir Putin (R) puts on a shawl for Chinese President Xi Jinping's wife Peng Liyuan (2nd R) while Chinese President Xi Jinping (2nd L) and U.S. President Barack Obama (L) looks them before a fireworks show after the Welcome Banquet for 2014 APEC leaders at the National Aquatics Center, known as the Water Cube, on November 10, 2014 in Beijing, China. The 22nd APEC Economic Leaders' Meeting will hold on November 11, 2014 in Beijing, China. (Photo by Feng Li/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 11 Novembre 2014

Il gesto “cavalleresco” di Vladimir Putin

Ha messo una coperta sulle spalle di Peng Liyuan, moglie del presidente della Cina: il video è circolato moltissimo ma poi è stato censurato

A Pechino è in corso il vertice della Cooperazione Economica Asiatico-Pacifica (APEC), a cui partecipano i leader di 21 paesi tra cui, per la Russia, Vladimir Putin. Durante un evento che si è svolto la sera del 10 novembre presso il Centro Acquatico Nazionale – conosciuto anche come Water Cube, costruito per le Olimpiadi di Pechino del 2008 – è accaduto un fatto piuttosto piccolo ma che è circolato moltissimo su internet nelle ultime ore.

Putin

Vladimir Putin era seduto accanto a Peng Liyuan, moglie del presidente della Cina Xi Jinping (che a sua volta era seduto alla destra della moglie e accanto a Barack Obama). Dopo una breve conversazione, che si suppone avesse come argomento la temperatura della sala, Putin si è alzato in piedi, ha preso una coperta e l’ha avvolta intorno alle spalle di Peng Liyuan: lei ha sorriso, ha ringraziato e si è seduta, facendosi scivolare la coperta dalle spalle poco dopo e passandola ad un assistente. La scena è stata ripresa in diretta, anche se da lontano, dalle telecamere della CCTV, l’emittente di Stato cinese.

Il commentatore di CCTV ha sottolineato il gesto cavalleresco di Putin, il video è stato ripreso dalle principali agenzie di stampa locali e ha iniziato a circolare sui social media del paese, compresi quelli statali (oltre che su Weibo, il Twitter cinese). Poche ore dopo però, la notizia online era stata rimossa praticamente dappertutto: probabilmente la scena è stata giudicata poco consona dai media controllati dallo Stato molto attenti a proteggere la reputazione dei suoi leader.