• Mondo
  • lunedì 8 Settembre 2014

Le foto dell’alluvione tra India e Pakistan

Nel Punjab e nel Kashmir le piogge molto intense degli ultimi giorni hanno causato almeno 280 morti: ci sono interi villaggi isolati e persone bloccate sui tetti delle case

Nella provincia del Punjab in Pakistan, e nei territori confinanti del Kashmir in India, decine di squadre di soccorso sono al lavoro per aiutare la popolazione in difficoltà dopo le alluvioni degli ultimi giorni. La città indiana di Srinagar, una delle più grandi nello stato federato del Jammu e Kashmir, ha diversi quartieri sommersi da metri d’acqua, con persone rimaste isolate sui tetti delle loro abitazioni in attesa di aiuto. Si stima che l’alluvione tra India e Pakistan abbia fino a ora causato la morte di almeno 280 persone, ma fare stime accurate è molto complicato perché ci sono aree in cui i soccorritori non sono ancora riusciti ad arrivare.

Le piogge molto intense degli ultimi sei giorni hanno portato all’esondazione di fiumi e torrenti, le cui ondate hanno travolto e distrutto palazzi, strade, ferrovie e ponti. Ci sono centinaia di edifici danneggiati e migliaia di persone rimaste senza casa. Dallo scorso fine settimana non piove più, ma le acque si stanno ritirando molto lentamente e i soccorritori possono spesso intervenire solo con gli elicotteri. Nei villaggi mancano acqua potabile, alimenti e medicinali. Sia da parte indiana sia da parte pakistana la popolazione ha lamentato la scarsa preparazione delle istituzioni nell’affrontare l’emergenza.

mappa-punjab