Quello che non ha messo online le foto di Jennifer Lawrence nuda

È stato meno criminale ma più scemo: ha finto su internet di averle lui facendosi goffamente riconoscere, e ora è nei guai grossi

Poco dopo la diffusione sul sito di condivisione di immagini 4chan e su Reddit delle fotografie private di diverse attrici, per lo più statunitensi come Jennifer Lawrence, fotografate nude o mentre fanno sesso, in diversi hanno provato a scoprire l’identità dell’anonimo autore dei post, che aveva annunciato di avere molto altro materiale da condividere. Alcuni hanno quindi notato che in una schermata di computer – pubblicata per mostrare l’esistenza di altre foto con una serie di anteprime – comparivano anche i nomi dei computer collegati a una rete locale, per una goffa distrazione dell’autore apparentemente incredibile. Inserendoli semplicemente in una ricerca su Google, è stata identificata la società informatica Southern Digital Media, dalla cui rete era stato evidentemente pubblicato il post con la schermata contenente le anteprime.

leak-foto

Inizialmente diversi utenti hanno pensato che l’autore del post e il probabile autore della violazione degli account delle varie attrici fosse un ragazzo di 15 anni, indicato sul portale della società come stagista incaricato dello sviluppo interno di risorse per il Web. Facendo ulteriori verifiche su Reddit, si è poi scoperto che la schermata proveniva invece probabilmente dal computer di Bryan Hamade, un altro dipendente della società. Molti utenti sono quindi arrivati alla conclusione che l’autore della violazione degli account fosse proprio Hamade, che ha iniziato a ricevere molti messaggi attraverso i social network, e anche molte critiche per la violazione criminale degli account delle persone coinvolte.

Hamade è stato contattato al telefono dal sito Buzzfeed, e ha ammesso di avere in effetti pubblicato la schermata con le anteprime delle foto, ma di non avere a che fare con gli attacchi informatici per entrare in possesso di quelle immagini. Nella sua versione, Hamade avrebbe messo su 4chan la schermata immaginando di potere fare qualche soldo, dicendo di avere altre immagini da pubblicare in cambio di qualche bitcoin. Non si sa se la schermata l’abbia ripresa da quelle diffuse online, o se lui avesse ottenuto le fotografie dopo che sono state diffuse. Nel salvarla si sarebbe però dimenticato di rimuovere le parte della schermata in cui erano visibili i nomi dei computer collegati alla rete locale della sua società, e che hanno permesso di identificarlo.

Stando a cosa riferisce BuzzFeed, Hamade al momento della breve intervista si trovava in auto in giro per Lawrenceville (sic), Georgia, alla ricerca di uno studio di avvocati aperto per ricevere assistenza legale sulla vicenda. Oggi negli Stati Uniti è il Labor Day e buona parte degli uffici e dei negozi è chiusa. Hamade ha 27 anni e ha spiegato di avere dovuto chiudere molti suoi account online, da Twitter a YouTube, per la quantità enorme di messaggi e minacce ricevuti nelle ultime ore:

È stato un incubo e non ho dormito nelle ultime 34 ore. Gli utenti di 4chan hanno continuato a perseguitarmi con telefonate ed email. Mi mandano messaggi di continuo, dicendo che attaccheranno i miei siti personali e continuano a chiamarmi al telefono, dandomi del frocio e poi riattaccano. Hanno anche detto che attaccheranno il sito di mia madre, che ho messo offline.

Secondo Hamade, il vero autore dell’attacco informatico si trova ancora su 4chan e pubblica saltuariamente delle cose. Ha poi aggiunto che ci sono diverse persone come lui in possesso delle fotografie, che sono circolate molto online, e che provano a rivenderle a utenti disposti a dare in cambio qualche bitcoin. Alcuni si scambiano anche le immagini: “È probabile che qualcuno che le ha acquistate abbia alla fine iniziato a pubblicarle ieri”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.