• Mondo
  • domenica 10 Agosto 2014

Un aereo passeggeri è precipitato in Iran

Vicino all'aeroporto internazionale di Teheran: c'erano 48 persone a bordo e sarebbero morti in 39, dice un funzionario dei trasporti iraniano

Un aereo passeggeri di piccole dimensioni è precipitato vicino all’aeroporto internazionale Mehrabad-Teheran, in Iran, nel nord del paese, intorno alle 9:18 ora locale (erano le 6:48 in Italia). Era un aereo di linea regionale della compagnia iraniana Sepahan Air, con a bordo 48 persone, ed era decollato da pochi minuti, diretto verso sudest, a Tabas, nel Khorāsān meridionale, una regione che si trova nell’est dell’Iran. La notizia è stata riportata dall’agenzia di Stato IRNA (Islamic Republic News Agency) e dall’agenzia FARS, e subito ripresa da AFP e BBC.

C’è un po’ di confusione sul numero delle persone morte nell’incidente. Un funzionario dei trasporti iraniano ha detto alla televisione di Stato che 39 persone sono morte e altre 9 sono rimaste ferite. Invece, secondo le notizie riportate inizialmente dalle agenzie iraniane, tutti i 40 passeggeri – tra cui sette bambini – e gli 8 membri dell’equipaggio sarebbero morti nell’incidente. Si era inoltre diffusa un po’ di confusione anche riguardo la compagnia dell’aereo, che secondo l’agenzia IRNA era della Taban Air e non della Sepahan Air.

L’aereo è precipitato nella zona residenziale di Azadi, nel nordovest di Tehran, e secondo un ufficiale anonimo citato da una delle due agenzie iraniane si trattava di un modello Antonov An-140, un aereo di costruzione ucraina degli anni Novanta impiegato per tratte a corto raggio. Il capo delle autorità aeroportuali iraniane, Mohammad Ilkhani, ha detto che l’aereo ha perso quota subito dopo il decollo, in seguito allo spegnimento improvviso del motore.


Foto: flightradar24.com