• Mondo
  • giovedì 7 agosto 2014

I capelli di Chantal Biya

Il Washington Post è entusiasta per l'arrivo in città della first lady del Camerun, che "ha ridefinito il concetto di magnifico"

Qualche tempo fa – era il 2011 – la redazione del Post restò ipnotizzata davanti alle fotografie dell’allora poco noto José Mujica, presidente dell’Uruguay di impareggiabile fotogenia (nel frattempo l’estetica di Mujica è diventata una specie di fenomeno globale). A quelli del Washington Post in questi giorni è successo qualcosa di simile per Chantal Biya, che ha 43 anni ed è la moglie di Paul Biya, il capo di governo in carica da più tempo al mondo, presidente del Camerun dal 1982.

Il summit dei capi di stato e di governo africani è ufficialmente iniziato e questo significa soprattutto una cosa per gli abitanti di Washington D.C.: i capelli della first lady del Camerun sono in città.

Chantal Biya ha ridefinito il concetto di “magnifico”. La chioma di Biya è una tesi di laurea da scuola di bellezza, ma una tesi di laurea sulle contraddizioni: i suoi capelli sono insieme corti e lunghi, ribelli ed eleganti, spettinati ma controllati. Che stia facendo visita al Papa o sia in giro con Paris Hilton, lo stile della 43enne first lady del Camerun rimane impassibile. Le foto che seguono sono soltanto un piccolo esempio delle molte pettinature di Chantal Biya. Gli abitanti di Washington D.C. sperano di vederle tutte questa settimana.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.