• Mondo
  • mercoledì 23 luglio 2014

Un aereo è caduto a Taiwan

Sulle isole Penghu, i media locali parlano di decine di morti, ma ci sono ancora poche notizie

Mercoledì un aereo della TransAsia Airways ha provato un atterraggio di emergenza alle isole Penghu, un arcipelago al largo della costa occidentale di Taiwan. Nell’atterraggio sono morte più di 45 persone, hanno confermato fonti del governo taiwanese: a bordo c’erano 54 passeggeri e quattro membri dell’equipaggio. Il volo GE222 proveniva da Kaohsiung, nel sud di Taiwan, ed era diretto a Makung, alle isole Penghu. La partenza del volo, programmata per le 16 ora locale, era stata ritardata di quasi due ore a causa del forte maltempo.

La diretta di una televisione taiwanese

I piloti avevano già tentato un primo atterraggio, che però non aveva avuto successo. Prima di compiere il secondo tentativo, la torre di controllo dell’aeroporto di Makung aveva perso i contatti con l’aereo della TransAsia Airways. Quello che è successo dopo non è ancora chiaro: si sa che l’aereo ha provato l’atterraggio di emergenza sopra la città di Huhsi, colpendo due case (qui in video pubblicato da un sito di news locale che mostra l’aereo distrutto dopo lo schianto). I feriti, scrive Associated Press, sono sette, e sono già stati portati all’ospedale per i primi soccorsi.

 

Il forte maltempo è stato causato dal tifone Matmo, che ha causato venti fino a 136 chilometri all’ora: nelle ultime 24 ore piogge torrenziali superiori ai 20 centimetri erano state previste per tutta l’isola. La mappa mostra il livello delle piogge e del maltempo all’incirca all’ora dell’atterraggio di emergenza, mediante una scala in falsi colori che va dal verde (precipitazione debole) fino al rosso e viola (precipitazione di forte intensità).

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.