Berlusconi sui magistrati: «equilibrio e rigore ammirevoli»

Dopo essere stato assolto in appello nel cosiddetto “processo Ruby”, dove era imputato per concussione e induzione alla prostituzione minorile, Silvio Berlusconi ha diffuso dichiarazioni molto concilianti nei confronti della magistratura, che eppure in passato aveva definito tra le altre cose “cancro della democrazia” e composta da persone “mentalmente disturbate”.

«Un pensiero di rispetto va poi alla magistratura, che ha dato oggi una conferma di quello che ho sempre asserito: la grande maggioranza dei magistrati italiani fa il proprio lavoro silenziosamente, con equilibrio e rigore ammirevoli»