Neymar: «Due centimetri e ora sarei paralizzato»

Lo ha detto durante una conferenza stampa, commentando anche la vittoria della Germania per 7-1

Neymar, uno dei calciatori più forti del Brasile e infortunato nella partita contro la Colombia ai Mondiali, durante una conferenza stampa ha dato qualche notizia sulla sua salute e ha commentato l’uscita della sua squadra dalla Coppa del Mondo dopo la semifinale contro la Germania, finita 1-7 per la nazionale tedesca (che affronterà l’Argentina nella finale di domenica). Durante Brasile-Colombia Neymar era stato colpito alla schiena da una ginocchiata del terzino colombiano Juan Camilo Zuñiga. È rimasto fermo in campo ed è stato trasportato in barella: successivamente gli è stata diagnosticata una lesione alla schiena.

Durante la conferenza stampa Neymar, che ora sta meglio ed è tornato con i suoi compagni di squadra, ha detto:

«Due centimetri e ora sarei paralizzato»

«Contro la Germania è avvenuto qualcosa di incredibile e inatteso. Non riesco a spiegarmelo, non posso spiegarmelo. È stato un blackout che ha colpito la nostra squadra, che ha finito per prendere gol e non è riuscita a riprendersi. Per me è stata una delle peggiori settimane della mia vita»

«Anche a me è capitato di vivere un blackout in campo, non si riesce ad azzeccare un passaggio, a fare nulla»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.