L’incontro tra PD e M5S è saltato

Dovevano vedersi alle 15 per parlare di legge elettorale, ma il PD chiede prima "risposte formali" alle questioni di cui si era discusso nei giorni scorsi

L’incontro tra PD e M5S per discutere sulla legge elettorale, previsto per oggi alle 15, non si farà: lo ha comunicato Roberto Speranza, capogruppo del PD alla Camera. Il PD chiede prima al M5S “risposte formali” sul contenuto della lettera inviata al M5S qualche giorno fa, che poneva alcune questioni puntuali sul dibattito riguardo le riforme istituzionali. I dirigenti di PD e M5S si sono incontrati una prima volta alla fine di giugno.

Loro, i grillini, continuano a dire che ci saranno. Ma a far sapere che l’incontro è stato cancellato è l’eurodeputata dem Alessandra Moretti (già presente al primo vertice con il M5S), che ad Affari italiani.it dichiara: “Mi è stato comunicato che oggi l’incontro non c’è. Non ho alcuna indicazione di rimanere a Roma, infatti sto partendo. Le ragioni non le conosco, ma l’incontro non c’è”.

La conferma ufficiale arriva, a stretto giro, dal capogruppo Pd a Montecitorio, Roberto Speranza, con una lettera alla presidente della Camera, Laura Boldrini: “Cara presidente – vi si legge – le scrivo per informarla che il previsto incontro di oggi tra la delegazione del Pd e quella M5S non si terrà. Il Pd considera questo confronto molto serio ed importante per il dibattito democratico nel nostro paese e per dare più forza al percorso delle riforme. Proprio per queste ragioni riteniamo imprescindibile che tale confronto possa svolgersi solo dopo che saranno pervenute formali risposte alle questioni indicate nel giorni scorsi dal Pd”.

(continua a leggere sul sito di Repubblica)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.