• Mondo
  • venerdì 20 giugno 2014

10 morti per le alluvioni in Bulgaria

Nella città orientale di Varna, sul Mar Nero, le forti piogge hanno inondato un'intera zona della città: e ci sono problemi e danni anche nel centro del paese

Piogge molto intense hanno causato inondazioni e la morte di almeno 10 persone nella Bulgaria orientale. I danni maggiori si sono verificati a Varna, la terza città più grande del paese e importante porto sul Mar Nero. Nella tarda serata di giovedì 19 giugno l’alluvione ha sommerso numerose abitazioni nella parte più bassa della città causando una decina di morti, secondo il sindaco. Ci sono diverse altre persone disperse, ma al momento non ci sono stime attendibili su quante possano essere.

Ovan Portnih, il sindaco di Varna, ha parlato di “un’enorme tragedia” riferendosi al quartiere dove l’alluvione ha causato più danni: “la strada non c’è più, non ci sono più le case, ci sono automobili una sull’altra”. Per motivi di sicurezza è stata sospesa la fornitura di energia elettrica nella zona, in attesa delle prime riparazioni di emergenza agli impianti.

La situazione è complicata anche nel centro della Bulgaria, sempre a causa delle forti piogge. Almeno 11 persone sono state messe in salvo dalle squadre dei vigili del fuoco nella città di Kilifarevo: erano salite sui tetti delle loro abitazioni per non essere travolte dall’inondazione.

Anche nei dintorni di Sofia, la capitale della Bulgaria, sono stati segnalati allagamenti e danni causati dai forti temporali di giovedì. Molte strade sono state danneggiate dalle alluvioni e non sono percorribili.

Secondo i meteorologi, le piogge cadute sulla Bulgaria orientale nelle ultime 24 ore sono equivalenti alla quantità di pioggia che di solito cade in un mese, nel periodo tra la primavera e l’estate. Per la giornata di venerdì sono previste altre piogge intense nelle regioni settentrionali, oltre a quelle orientali, della Bulgaria.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.