Il documentario su Elliott Smith

Si chiama Heaven Adores You e contiene circa venti sue canzoni inedite: intanto, il trailer e i primi quattro minuti

Sono stati diffusi i primi minuti di Heaven Adores You: è il primo documentario sul cantautore americano Elliot Smith alla cui produzione hanno contribuito i familiari del cantante, che hanno anche autorizzato l’uso della sua musica.
Elliott Smith morì suicida a trentaquattro anni nel 2003, ed era ritenuto dalla critica anglosassone tra i più creativi giovani cantautori americani del suo periodo. Negli Stati Uniti era diventato famoso, soprattutto dopo la nomination all’Oscar per la sua canzone “Miss Misery”, nella colonna sonora del film “Will Hunting”. I primi minuti del documentario parlano appunto della sua nomination, che Smith aveva vissuto con molta preoccupazione.

La produzione di Heaven Adores You è stata finanziata attraverso una campagna di crowdfunding con Kickstarter. Il progetto è del regista Nickolas Rossi, che racconta che tutto è nato da un video che aveva girato al Solution’s Wall di Silverlake, a Los Angeles, un luogo che i fan di Elliott Smith avevano trasformato in una sorta di memoriale nei mesi successivi alla sua morte. Il video ha continuato a ricevere visualizzazioni e commenti finché Rossi ha deciso di approfondire il progetto. Ha coinvolto Ashley, la sorella di Smith, e alcuni membri della sua prima band e alcuni suoi ex collaboratori, ed è riuscito a ottenere che all’interno del documentario si possano ascoltare circa venti canzoni inedite di Smith.

Heaven Adores You è stato proiettato per la prima volta il 5 maggio al San Francisco International Film Festival, il 20 giugno verrà invece presentato all’AFI Docs Festival.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.