• Mondo
  • mercoledì 16 Aprile 2014

Le prime foto della Settimana Santa

Cappucci a punta, sfilate e musical in carcere, tra le celebrazioni che ogni anno nel mondo precedono la Pasqua

In molti posti del mondo la Settimana Santa – quella che va dalla Domenica delle Palme alla domenica di Pasqua: ci siamo in mezzo – è una cosa piuttosto sentita e viene celebrata ogni anno con riti tradizionali e processioni in costume affollate di fedeli cattolici che rievocano la Passione di Cristo.

In Spagna, per esempio, la Semana Santa viene celebrata in tantissime città con le ormai famose sfilate in costume delle confraternite religiose, associazioni di credenti cattolici che, in molti casi, rappresentano diverse contrade o aree della città. I membri delle confraternite, durante le processioni della Settimana Santa, sfilano scalzi raffigurando i penitenti, nazarenos, e indossano lunghe tuniche con dei caratteristici cappucci a punta, i cosiddetti capirete, e dei veli che coprono completamente il viso, lasciando scoperti solo gli occhi e la bocca. A Siviglia, dove si tengono alcune delle processioni più partecipate del paese, esistono 57 confraternite e ogni giorno della Settimana Santa ne sfilano tra le 6 e le 9. Le processioni sono molto partecipate: sempre a Siviglia nella notte più importante della Settimana Santa, quella tra giovedì e venerdì, circa un milione di persone assiste alle diverse processioni.

Tra le altre foto della Settimana Santa, quest’anno, ci sono anche quelle dal Perù e da El Salvador. In Perù, paese con una tradizione cattolica ancora molto forte, i detenuti del carcere di Sarita Colonia hanno messo in scena per il terzo anno consecutivo una recita di Jesus Christ Superstar, mentre in El Salvador si sono tenute le tradizionali sfilate dei Talciguin, fedeli che si travestono da diavoli indossando lunghi abiti rossi e maschere dello stesso colore.