L’ora legale, quando e perché

Alle due di notte tra sabato e domenica si porta l'orologio avanti di un'ora (insomma diventano le tre)

L’ ora legale nella misurazione ufficiale del tempo in Italia sarà introdotta di nuovo nella notte tra sabato 29 e domenica 30 marzo 2014. Significa che le due del mattino di domenica diventeranno le tre. L’ora legale è stata introdotta per la prima volta nel 1916, con il decreto legislativo n. 631 del 25 maggio: fu abolita e ripristinata diverse volte e adottata definitivamente con una legge del 1965 e applicata nel 1966, in periodo di crisi energetica. Nel 1981 la durata dell’ora legale venne estesa da quattro a sei mesi: da allora viene introdotta nell’ultima domenica di marzo, mentre l’ora solare torna nell’ultima settimana di settembre.

Nel 1996 è stato introdotto un ulteriore prolungamento di un mese, insieme al resto d’Europa: la fine dell’ora legale è stata così spostata all’ultima domenica di ottobre. L’ora legale entra in vigore, contemporaneamente, in tutti gli stati dell’Unione Europea per sfruttare meglio la luce solare nelle ore del tardo pomeriggio e della sera, a scapito di quelle del primissimo mattino, per ragioni di risparmio energetico. Il passaggio avviene all’una di notte secondo il fuso orario di Londra, alle due di notte a Berlino, alle tre di notte ad Atene. L’ora solare tornerà invece nella notte tra il 25 e il 26 ottobre 2014.