I rischi di fare pipì in piscina

Non è una cosa schifosa-ma-innocua come si pensava: l'acido urico reagisce con il cloro, formando composti chimici pericolosi per la salute, dice una ricerca

Una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Environmental Science and Technology dell’American Chemical Society ha dimostrato che fare pipì mentre si sta nuotando in piscina ha delle conseguenze più gravi di quanto si potrebbe immaginare. Nelle persone sane la pipì è sterile, ma alcuni suoi elementi chimici interagiscono con il cloro, portando alla formazione di due composti potenzialmente pericolosi per la salute dei polmoni, del cuore e del sistema nervoso.

I ricercatori hanno fatto diversi test mescolando insieme l’acido urico, che si trova nella pipì e nel sudore, con il cloro. Dopo un’ora, nella soluzione è stata rilevata la presenza di tricloruro di azoto e di cloruro di cianogeno. Nello studio si spiega che questi due composti erano già stati individuati in precedenza da altri ricercatori, ma la loro presenza non era stata mai ricondotta con certezza alla presenza di acido urico nell’acqua e alla sua reazione con il cloro. Secondo diversi studi c’è un legame tra la presenza di tricloruro di azoto e alcune malattie dell’apparato respiratorio; il cloruro di cianogeno, invece, può causare disfunzioni al sistema nervoso centrale e a quello cardiovascolare.

La quantità di sudore prodotta durante una sessione di nuoto è relativamente bassa, quindi non porta a particolari conseguenze per la qualità dell’acqua. Le cose, dice la ricerca, cambiano se la piscina è particolarmente affollata e ci sono più persone che a brevi intervalli di tempo fanno la pipì in acqua. Per l’Organizzazione mondiale della salute (OMS) la concentrazione massima e tollerabile di cloruro di cianogeno nell’acqua potabile è pari a 70 microgrammi per litro. La concentrazione più alta trovata dai ricercatori è ben al di sotto di questo limite, intorno ai 33 microgrammi per litro, quando la concentrazione di cloro in acqua è pari a 8 milligrammi per litro. Nelle piscine la quantità di cloro per litro usata è comunque inferiore a 8 milligrammi.

Non c’è quindi un particolare pericolo – a parte la generale sgradevolezza – per chi va in piscina con qualche compagno di nuotate che preferisce farla in acqua, invece di uscire, asciugarsi e andare in bagno come consiglia l’etichetta del buon nuotatore. I ricercatori ricordano comunque che i due composti chimici che si formano sono anche volatili: evaporano con l’acqua e possono quindi portare a un peggioramento della qualità dell’aria in piscina. La loro conclusione: considerato che fare pipì è un atto volontario, è opportuno farlo nei bagni degli spogliatoi e non in acqua, tra una vasca e l’altra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.