• Italia
  • martedì 18 marzo 2014

Sciopero 19 marzo: orari e cose da sapere

Le notizie e gli orari in cui il trasporto pubblico è garantito a Roma, Milano, Napoli, Firenze e Bologna

Mercoledì 19 marzo ci sarà uno sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale, per protestare contro il mancato rinnovo del contratto di lavoro di circa 110 mila lavoratori. Lo sciopero era stato annunciato un mese fa ed è stato confermato giovedì 13 marzo, nonostante il tentativo del governo di fermare la protesta grazie a una trattativa col ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e col ministro del Lavoro Giuliano Poletti. A Milano lo sciopero si terrà dalle 8.45 alle 15 e poi dalle 18 fino al termine del servizio; a Roma il servizio è garantito da inizio servizio alle ore 8.30 e dalle 17 alle 20; a Bologna lo sciopero si terrà dalle 8.30 alle 16.30 e poi dalle 19.30 fino al termine del servizio; a Napoli il servizio sarà garantito dalle 5.30 alle ore 8.30 e dalle 17 alle 20; a Firenze il servizio sarà garantito dalle 6 alle 9.15 (ultima corsa 8.59) e poi dalle 15.15 fino al termine del servizio (ultima corsa 14.59).

Confermato lo sciopero nazionale del trasporto pubblico locale il 19 marzo, nonostante l’impegno del governo per scongiurare la protesta. Al tavolo convocato oggi all ministero dei Trasporti, che ha visto la partecipazione del titolare Maurizio Lupi e del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, si è cercato di sbloccare la trattativa. Per ora però le parti sembrano rimanere ferme sulle loro posizioni. I sindacati hanno infatti deciso di confermare la protesta, non avendo ricevuto risposte. Lo stop nazionale di 24 ore del Trasporto pubblico locale era stato annunciato unitariamente dai sindacati del settore circa un mese fa. Al centro della protesta, il mancato rinnovo del contratto di lavoro del Trasporto pubblico locale, che riguarda circa 110 mila lavoratori. Il contratto è infatti scaduto dal 2007 e da allora manca l’intesa tra sindacati e associazioni datoriali (Asstra e Anav) per riaggiornarlo.

(continua a leggere sul sito di RaiNews)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.