I vincitori degli Oscar

La lista dei vincitori degli Oscar: "Gravity" ha sbancato ma il miglior film è "12 anni schiavo"

Si è tenuta questa notte a Los Angeles la cerimonia per la consegna degli Oscar,  l’86esima edizione degli Academy Awards. I premi Oscar sono i più famosi e prestigiosi del cinema americano (e quindi internazionale). Gravity ha sbancato ottenendo ben 7 premi, praticamente tutti quelli tecnici più la regia, ma il premio per il miglior film è stato vinto da 12 anni schiavo. Entrambi i protagonisti di Dallas Buyers Club sono stati premiati con l’Oscar: Matthew McConaughey come miglior attore protagonista e Jared Leto come miglior attore non protagonista. La grande bellezza di Paolo Sorrentino ha vinto il premio Oscar come miglior film straniero. Degno di nota anche il fatto che Wolf of Wall Street e American Hustle, che avevano ricevuto rispettivamente 5 e 10 nomination, non abbiano vinto niente.

Momenti salienti della cerimonia degli Oscar: i discorsi di ringraziamento di Jared Leto (che ha parlato di sua madre, ma anche dell’Ucraina e del Venezuela), Lupita Nyong’o (che ha vinto un Oscar al primo film della sua vita: che storia) e Matthew McConaughey, il selfie di Ellen DeGeneres con un milione di celebrities (che è diventato anche il tweet più ritwittato di sempre), il saluto di Bill Murray ad Harold Ramis, la gag di Kevin Spacey che fa Frank Underwood di House of Cards, Brad Pitt che mangia la pizza. Ah, e tutte le cinque canzoni nominate al premio Oscar sono state suonate dal vivo sul palco. Altre cose notevoli: Alfonso Cuarón è diventato il primo regista latinoamericano a vincere il premio per la miglior regia, 12 anni schiavo è il primo film diretto da un regista nero a vincere il premio per il miglior film.

Tutti i premi, nell’ordine in cui sono stati consegnati:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.